mercoledì 24 novembre 2010

il federalismo e la sfida del sud

il federalismo e la sfida del sud

Il federalismo è ormai pienamente al centro del dibattito politico italiano, sebbene appena un decennio fa fosse da molti considerato una questione piuttosto eterodossa o un tema provocatorio.

La ripartizione dei ruoli e delle responsabilità tra più livelli di governance è in effetti un’esigenza condivisa da tutte le democrazie avanzate, vista la complessità crescente delle nostre economie è dunque anche del rapporto tra le autorità e i cittadini.

L’Italia parte da una condizione anomala rispetto alla maggioranza dei paesi europei, poiché i divari interni al paese non si collocano su una traiettoria di riduzione, ma al contrario di allargamento – e questo nonostante interventi statali e trasferimenti di risorse molto onerosi nell’arco di molti decenni.

Discutere oggi di questione meridionale –e dunque settentrionale – significa in effetti discutere dell’assetto del sistema-paese, cioè della principale questione nazionale. In tal senso, il federalismo fiscale può vedersi come un obiettivo in sé, ma anche come un tassello di una struttura complessiva che sia compiutamente federale. E’ chiaro che la seconda opzione, oltre agli interventi legislativi che rientrano nell’ottica del decentramento, richiede riforme costituzionali.

La logica alla base del federalismo, in ogni caso, prevede un rapporto molto stretto fra erogazione dei servizi e prelievo fiscale, puntando a rafforzare il vincolo di legittimità democratica. Quella in corso in Italia – come altrove – è perciò una discussione sul fondamento politico del patto sociale in una moderna democrazia avanzata.

lunedì 22 novembre 2010

"Il Colosso Americano": riflessioni sul trionfo del capitalismo a 150 anni dalla Guerra Civile

Non solo Noi Italiani ricorderemo qualcosa accaduto 150 anni fa ma con "un approccio profondamente diverso da quello italiano che si appresta a festeggiare il centocinquantenario della sua unificazione, ma forse non della sua nascita come nazione, se il sangue versato, a differenza che negli Stati Uniti, non unisce ma divide, divenendo il segno di una sconfitta"

"Il Colosso Americano": riflessioni sul trionfo del capitalismo a 150 anni dalla Guerra Civile

I nativi e la guerra civile americana. Riflessioni in occasione del 150° anniversario

mercoledì 17 novembre 2010

Resoconto Conferenza

Lunedì 15 novembre, si è svolta a Solbiate Olona la conferenza avente come tema Il Federalismo (Fiscale) che verrà.

Sfidando la pioggia e la conseguente pigrizia che invoglia a restare chiusi in casa, i presenti hanno potuto conoscere e approfondire gli argomenti del federalismo fiscale. All'Associazione Iniziativa 21058 che ha organizzato la serata, per merito del suo rappresentante Roberto Saporiti, è toccato il compito di introdurre la serata con una proiezione di diapositive utili per evidenziare i passaggi chiave di questa importante e complessa riforma nonché i tempi tecnici per la loro realizzazione, stabiliti in una prima fase sperimentale dal 2014 al 2018 e una successiva previsione di entrata a regime a partire dall'anno 2019.

PAROLA AI RELATORI

Di seguito la parola è passata ai relatori invitati. Il Senatore Fabio Rizzi (Lega Nord) a nome della maggioranza di Governo, ma soprattutto del partito che più di tutti ha da sempre a cuore il tema del federalismo, ha tracciato lo scenario del federalismo che verrà. Fulcro della riforma sarà la responsabilizzazione degli amministratori locali. Occorre andare oltre la logica attuale del patto di stabilità, che, di fatto, oggi è penalizzante per chi questa responsabilità l'ha già acquisita e messa in pratica.
Il Consigliere Regionale Alessandro Alfieri (Partito Democratico) ha confermato che il PD è per la riforma fiscale dello Stato e che occorre superare i limiti storici della finanza pubblica e allargare l'autonomia dell'amministrazione locale. Ha riconosciuto l'esistenza di perequazioni opache nei piani di rientro tra alcune regioni e il governo ma ha comunque posto l'accento dell'importanza della solidarietà sociale. In sintesi estrema e provocatoria ha espresso l'esigenza di un federalismo differenziato, proprio per superare i limiti che sono tipici delle attuali realtà locali.
Il Consigliere Regionale Giorgio Puricelli (Popolo delle Libertà) ha posto l'accento sulla spesa nel campo della sanità, di fatto la prima e più importante voce nei bilanci delle regioni e delle conseguenti disparità nella gestione della spesa sanitaria. Urgente sarebbe la necessità di una definizione dei costi standard: una leva importante per introdurre cambiamenti nei servizi, soprattutto nel campo della sanità.

PRESENTI ANCHE I SINDACI DELLA VALLE

I Sindaci della Valle, presenti in platea, sono intervenuti nel dibattito. Celestino Cerana (Marnate) ha espresso la richiesta di maggiore attenzione verso l'ultimo anello della catena, di fatto l'interfaccia quotidiana con i cittadini e i loro problemi. Giuseppe Migliarino (Gorla Minore) ha manifestato criticità nei confronti dei poteri centrali e ha evidenziato le difficoltà dei comuni nel realizzare opere per via di meccanismi farraginosi che vincolano la disponibilità finanziaria. Giorgio Volpi (Olgiate Olona) ha ricordato la figura di Angelo Vassallo, Sindaco di Pollica ucciso dalla Camorra, esprimendo la speranza di una classe dirigente che abbia la dignità di rappresentarci. Luigi Melis (Solbiate Olona) ha concordato con i colleghi che lo hanno preceduto negli interventi e ha condiviso la volontà di operare in compartecipazione nei temi che uniscono il territorio della Valle Olona.

La serata è terminata attorno alle 23 e 30: oltre due ore di discussione per un tema sicuramente complesso ma trattato in maniera comprensibile e pacata. Soddisfazione da parte degli organizzatori per l'esito della serata e per la disponibilità e la cordialità dei relatori.

lunedì 8 novembre 2010

Ecomuseo della Valle Olona: siamo sulla strada giusta...







Si è svolta Sabato 6 Novembre a Trezzo d'Adda, presso la sede dell'Ecomuseo dell'Adda di Leonardo un proficuo incontro con il direttore dell'Ecomuseo Giuseppe Patruzzo.
Presenti oltre a Cristina Bergo e Michele Palazzo, promotori dell'iniziativa, anche il Consigliere Regionale Luciana Ruffinelli, i Sindaci di Castiglione Olona Emanuele Poretti, il Sindaco di Castelseprio Monica Baruzzo, il Presidente dell'associazione Amici della Valmorea Baroni, il coordinatore delle proloco di bacino VA/7 Agostino Alloro oltre a una rappresentanza di proloco e associazioni territoriali come Iniziativa 21058.
L'incontro è stato utile per chiarire alcuni aspetti di tipo procedurale e ha confermato la validità del nostro progetto, almeno nei modi in cui stiamo operando attualmente.
L'Ecomuseo dell'Adda di Leonardo nasce da presupposti un po' diversi rispetto a quelli del nostro territorio, ma possiede una serie di assonanze ambientali che possono facilmente fare immaginare come potrà essere l'Ecomuseo della Valle Olona.
Un percorso attraverso un ambiente, quello fluviale, che ripercorre la storia di un'intera comunità e si esprime attraverso al valorizzazione di beni materiali e immateriali nei quali la comunità si identifica.
Il concetto di comunità in luogo di quello di popolazione è uno dei concetti che meglio sono stati chiariti dal direttore Patruzzo. Un concetto che ancor di più riesce a legare chi abita e vive la Valle Olona sotto un comune denominatore.
Così abbiamo imparato come l'ecomuseo debba arricchirsi di contenuti scientifici per poter essere veramente tale, e per poter essere in un secondo tempo riconosciuto anche dalla Regione.

L'attività di mappatura di tutte le risorse e i beni materiali e immateriali è il punto di partenza per approntare poi un progetto scientifico che dia forza e vigore all'iniziativa.

Le parti coinvolte sembrano essere tutte d'accordo nel portare avanti un progetto comune: amministrazioni, proloco e associazioni territoriali si sono manifestate pronte e ricettive.
I prossimi passi sono quelli di dare da un lato natura giuridica all'Ecomuseo della Valle Olona e dall'altro procedere con l'attività di mappatura delle risorse presenti sul nostro territorio.

Riferimenti:
Sito: http://www.ecomuseovalleolona.blogspot.com
Mail: ecomuseovalleolona@gmail.com

Grazie Filippo

"dimostrate di essere ispirati da quegli ideali di libertà..." Sandro Pertini

"dimostrate di essere ispirati da quegli ideali di libertà..."  il Presidente della Repubblica Sandro Pertini Pe...