mercoledì 31 luglio 2013

Valle metropolitana

Busto e la Valle Olona sono pronti a settembre parteciperanno alle commissioni di studio messe a punto dal Comune di Milano e dagli altri enti locali della Provincia di Milano in vista del primo gennaio 2014, quando la nuova istituzione metropolitana dovrebbe prendere il via.


Riprendiamo da  "la Provincia di Varese":
Il percorso per la costituzione del nuovo ente... entra nel vivo nel mese di settembre.
Al rientro dalle ferie, saranno attivati quattro tavoli di lavoro tematici (rispettivamente dedicati a trasporti e mobilità, ambiente e servizi metropolitani, pianificazione urbanistica, sviluppo economico e sociale) che delineeranno quali funzioni, e quale rapporto con i Comuni che ne faranno parte, avrà la futura Città metropolitana di Milano. Ai tavoli sono stati invitati anche quei Comuni della Provincia di Varese (Busto Arsizio, Saronno e Caronno Pertusella) che in consiglio comunale avevano espresso una propensione per aderire alla Città metropolitana insieme agli enti della Provincia di Milano che ne farebbero parte di diritto.
Il sindaco di Busto Arsizio Gigi Farioli ha già ottenuto un mandato dai colleghi della Valle Olona per fare da punto di riferimento territoriale dell’Altomilanese sul tema, ma il mandato potrebbe allargarsi anche all’area del Gallaratese e di Malpensa, che avevano già partecipato al dibattito su provincia e città metropolitana un anno fa. In questo modo alle quattro commissioni di studio parteciperebbero non solo i rappresentanti del Comune di Busto Arsizio ma anche dei Comuni della Valle Olona, per valutare se il percorso che emergerà potrà essere interessante per valutare un’adesione al nuovo ente.


giovedì 25 luglio 2013

Far scorrere le idee sull' acqua...

L’avventura di The man on the river, ovvero una navigazione di 5400 chilometri con 320 chiuse, 18 acquedotti, e oltre 2000 ponti, dal Tamigi al Bosforo passando attraverso Francia, Germania, Austria, Slovacchia, Ungheria, Croazia, Serbia, Romania, Ucraina Bulgaria per approdare infine in Turchia...


Un viaggio fatto da un uomo con la sua barca, Clodia un’imbarcazione di 5,6 metri in mogano realizzata dal maestro d’ascia Roland Poltock e ispirata alle barche dei pescatori delle isole Shetland in Scozia. Il protagonista di quest’impresa controcorrente che alla velocità ha contrapposto la lentezza e alla tecnologia la capacità di interpretare i segnali della natura, è Giacomo De Stefano, architetto, 44 anni astigiano ma veneziano di adozione. Giacomo vive su una barca nella laguna di Venezia ed è convinto che less is more, che il nostro dovere è vivere senza sprecare le risorse della natura, riappropriarci di ritmi lenti e capire che non possiamo continuare a consumare velocemente senza nemmeno apprezzare quel (troppo) che abbiamo.(da Wisesociety )

Giacomo ha voluto fare un viaggio nel cuore dell’Europa che fosse il manifesto della possibilità di una vita diversa a contatto con gli uomini e la natura. Un’impresa dove ogni supporter ha dato il suo contributo per far sì che questo sogno lasciasse gli ormeggi...proprio come tutte  le persone che si sono impegnate per il fiume Olona pulito!

"Un patrimonio inestimabile che dobbiamo preservare con grande attenzione e anche fatica. Come vogare sulle acque di un fiume, fino in fondo, con energia e senza mollare mai".


Sul viaggio di Giacomo si sta realizzando un documentario finanziato con il sistema di Crowdfunding, un finanziamneto dal basso ...proprio come quello sul nostro fiume

 

Unanime

UNANIME: Che ha ottenuto il consenso di tutti i membri di un gruppo o di un organo collegiale: che esprime il sentimento di tutti

Il risanamento del bacino del fiume Olona deve essere fra le priorità di Regione Lombardia: questo l’impegno che la Commissione Ambiente sollecita rivolgendosi alla Giunta con una risoluzione unanime che sarà votata in Consiglio nella seduta del 30 luglio.





Il documento approvato questa mattina è frutto del lavoro di tre mesi, durante i quali la Commissione si è confrontata con le istituzioni locali, le associazioni e gli stakeholders dei territori del bacino del fiume, che interessa le Province di Varese, Como e Milano. La risoluzione sollecita l’esecutivo a reperire ulteriori risorse finanziarie, a richiedere che gli interventi di risanamento effettuati dagli Enti locali siano esclusi dal rispetto del Patto di stabilità, a riconoscere nel Contratto di Fiume Olona - Bozzente - Lura lo strumento strategico di pianificazione degli interventi, associandogli una “cabina di regia” da costituirsi. Si richiama anche l’attenzione sulla necessità di attivare corsi e programmi di sensibilizzazione e di mantenere un costante flusso informativo con la Commissione Ambiente, per consentire il monitoraggio della situazione.(da Insubria TV)



"Vorrei, perciò, ringraziare tutti gli attori del territorio che hanno collaborato nel corso delle audizioni fornendo pareri e dando indicazioni utili al lavoro dei commissari e le forze politiche cocnlude Marsico -, la cui coesione e impegno, nel corso del tavolo politico, hanno permesso di arrivare, entro breve tempo, ad un testo completo e condiviso. La Commissione resterà costantemente informata sull'evoluzione della questione e, non mancherà, - qualora dovesse essercene necessità, di mettere in campo, anche in futuro, tutti gli strumenti utili alla causa". 
(da ValleOlona.com )

 

mercoledì 24 luglio 2013

La Valle Olona in bicicletta


L'obbiettivo di salvaguardare e valorizzare il patrimonio naturalistico e culturale della Valle Olona passa anche attraverso un importante progetto di recupero che interessa il fondovalle: la realizzazione di una pista ciclopedonale grazie alla quale muoversi da Castellanza addirittura fino oltre confine svizzero, a Mendrisio, in uno scenario completamente naturale.
Attualmente la ciclabile, costeggiando il fiume Olona e l'antica ferrovia della Valmorea, attraversa la valle da Castellanza a Castiglione Olona.  Il tracciato per buona parte costeggia l'antica ferrovia della Valmorea, costruita all'inizio del Novecento per collegare Castellanza al territorio elvetico.
La scarsità dei passeggeri e la crisi delle numerose cartiere che sorgevano lungo il suo percorso indusse le Ferrovie Nord , alla fine degli anni Settanta, ad abbandonare il tratto ferrato.
Oggi quei binari abbandonati sopravvivono a testimonianza della storia industriale del territorio come gli insediamenti produttivi sorti lungo il corso dell'Olona raccontano un'importante pagina dello sviluppo di queste zone.

Un Grazie a Giuseppe Ciclante per questo video  www.iquadernidelciclante.blogspot.com

domenica 21 luglio 2013

Operazione Olona continua...

Marnate - Operazione Olona: allarme rifiuti trovati durante una pulizia totale a cura della Protezione civile.Tolleranza zero per gli incivili in vista del grande progetto di riqualificazione dell’area più dimenticata e nascosta del fondovalle, dalla vecchia stazione ferroviaria fino alla piazzola ecologica. Bilancio della pulizia: 101 pneumatici di motorini auto e mezzi pesanti, un portellone di un’auto e persino una lavatrice. A ripulire l’Olona con un’operazione mirata sono stati i volontari Paolo Vanetti, Antonio Vanetti, Matteo Vanetti, Candido Bianchi, Michele Pianura, Salvatore Pianura e Massimo Ferioli.   
Servizio completo sulla Prealpina in edicola domenica 21 luglio.

Nel nostro piccolo, con Ivano Ghezzi, Legambiente, Valle Olona Respira, ed i Calimali, poco tempo fa avevamo trovato qualcosa: http://iniziativa21058.blogspot.it/2013/05/operazione-puliamo-l-olona.html 


Il seme di queste iniziative che è stato gettato nel cuore della Valle Olona, chi si sta impegnando per il nostro fiume lo fa con semplicità, con curiosa e genuina voglia di fare e capirne di più.
Lo spirito che unisce volontari, cittadini e amministrazione pubblica,
fin dai primi giorni, è contraddistinto dall' assoluta serietà, dalla partecipazione e dalla condivisione di una finalità utopistica: un fiume pulito




venerdì 19 luglio 2013

Rgione Lombardia - Pronto il documento su risanamento del fiume Olona

E’ stata approvata ieri la risoluzione in merito al risanamento del bacino idrografico del fiume Olona e alla sensibilizzazione permanente della popolazione attraverso programmi di educazione ambientale e civica. L’atto, dopo il via libera della Commissione Ambiente e Protezione Civile che avverrà la prossima settimana, sarà sottoposto all’attenzione sia del Consiglio regionale che della Giunta. Al tavolo odierno, coordinato da Luca Marsico, Presidente della Commissione Ambiente e Protezione Civile, hanno partecipato Laura Barzaghi (Partito Democratico), Paola Macchi (Movimento 5 Stelle), Carolina Toia (Maroni Presidente), Roberto Anelli (Lega Nord), Anna Lisa Baroni (Popolo della Libertà). “Si tratta di un documento strategico che verrà sottoposto all’attenzione della Commissione Ambiente  nel corso della seduta di giovedì prossimo per la definitiva approvazione. Sono molto soddisfatto – sottolinea Marsico – perché il provvedimento è frutto di una fattiva e proficua collaborazione tra le forze politiche presenti in Consiglio regionale a dimostrazione dell’importanza della tematica del risanamento dell’asta del fiume Olona”. (da Varesereport.it )

Ricordiamo che la Commissione si è spesa, da subito, attraverso una serie di audizioni che hanno fornito dati e idee di cui si è tenuto conto nel testo della risoluzione: ciò a sottolineare l’importanza del tema dell’ascolto e del confronto. Di seguito il commento dell' amico Ivano Ghezzi:

"Finalmente una bellissima notizia, premio a tutti noi Cittadini che, con la loro testardaggine, sono riusciti a smuovere gli ostacoli che parevano più difficili (indifferenza e noncuranza) e impossibili (agire insieme, senza divisioni di ogni sorta) da raggiungere, dopo anni di "non fare"....il Bene Comune più prezioso che abbiamo deve essere una delle cose a cui dobbiamo tenere di più, ne va del nostro futuro e di quello dei nostri figli, vogliamo lasciargli un ambiente meraviglioso dove passare la loro vita!...non è di certo vinta la guerra, ma una fondamentale battaglia è stata portata a termine nel modo migliore che ci poteva essere. Grazie a tutti quelli che hanno contribuito, senza fini personali e colori politici...La cosa che mi premeva di più fosse raggiunta è il re-insegnare alle persone, fin dai bambini, quell' educazione civica che per tanti anni è stata messa da parte, bisogna iniziare fin da piccoli a rispettare i posti in cui viviamo, ne va di noi stessi..."











venerdì 12 luglio 2013

Manifestazioni popolari

Riprendiamo dall' articolo di http://www.valleolona.com/notiziario/2013/201307/130712_valle_palio.html

Nel panorama ormai sempre più ricco di appuntamenti estivi per ogni gusto e per ogni giorno, qualcuno potrebbe notare una mancanza ormai diventata ormai praticamente un ricordo e destinata a restare tale. Dopo otto edizioni tanto belle quanto a volte travagliate, il Palio della Valle Olona, o Palio del Medio Olona come è stato ribattezzato subito prima di finire in archivio, risulta ufficialmente accantonato. Anche se dal punto di vista formale sarebbe più corretto un condizionale, dal momento che al riguardo manca una conferma ufficiale, la realtà descrive una situazione per certi versi ancora più brutta, al limite dell'imbarazzante, nel senso che su quella che è stata vantata a lungo come manifestazione simbolo dalla Valle Olona è caduto uno spesso strato di indifferenza.
Per chi ha partecipato, seguito o contribuito ad organizzare il Palio, non può essere un momento felice. Le migliaia di persone richiamate nelle piazze di Gorla Maggiore, Fagnano Olona, Gorla Minore, Solbiate Olona, Marnate e Olgiate Olona nel corso degli anni resteranno quindi un ricordo e i tanti messaggi di nuovo spirito di collaborazione, di confronto unico nel proprio genere e nuovo modello di convivenza, praticamente gettati nel fiume intorno al quale la manifestazione è cresciuta.
Difficile individuare le vere ragioni del perché si sia arrivati a tutto questo. Come spesso accade in circostanze analoghe, si tratta di un concorso di motivi, a partire da un livello di gradimento calato nel tempo da parte delle Amministrazioni (soprattutto quelle con meno possibilità di vincere) succedute a quelle delle prime edizioni, per arrivare ai sempre validi, da tirare in ballo, aspetti economici, passando per qualche desiderio di rivincita contro decisioni organizzative, mascherato da inderogabili priorità locali. Senza sottovalutare le attuali difficoltà di bilancio, difficile accettare di vedere scaricate le ragioni sulla mancanza di fondi. Manifestazioni ben più onerose del Palio, e dal riscontro decisamente inferiore, continuano a essere organizzate, anche da un singolo paese. Al riguardo la sensazione dominante è quella di un ottimo capro espiatorio...

In questa foto il nostro nuovo presidente Max Paganini impegnato nella prova del Quizzone dell' edizione 2004


Ricordiamo che a Solbiate Olona è sparito anche il Pentathlon, all' ultima edizione aveva partecipato anche la nostra associazione: http://iniziativa21058.blogspot.de/2010/09/pentathlon-2010.html



..con le indimenticabili camicie 

Qui invece il programma dell' edizione 2007 organizzata dal nuovo e dal primo  presidente
Lucio Ghioldi, di Iniziativa 21058:

L'Assessorato allo Sport e la Consulta sportiva organizzano il IV Pentathlon solbiatese - 
Trofeo Consulta Sportiva - UNA COMUNITA’ - TANTE ASSOCIAZIONI
 

Venerdì 21 Settembre 2007
- Alle ore 20.30 presso il Centro anziani di Piazza Gabardi:
GARA di BOCCE;
GARA di BRISCOLA.
 

Domenica 23 settembre 2007
- Alle ore 10.30 partenza "8° CAMMINATA IN ALLEGRIA" in collaborazione con AVIS-AIDO.
- Alle ore 12.30 spuntino con pizza, salamino e patatine.
- Dalle ore 14 presso l'Oratorio di Via XXV Aprile:
GARA di PING PONG;
GARA di CALCIO BALILLA;
GIMKANA in Bicicletta.


Durante il pomeriggio i bambini possono eseguire divertenti allenamenti con le nostre squadre di basket, pallavolo e calcio.


lunedì 8 luglio 2013

Come resta verde la mia valle

Riprendiamo da Blog di Marilena Lualdi alcuni ricordi sulla Pro Patria, sull' amico Celestino Cerana e sulla Valle Olona:

La mia città nel sangue, come la mia valle: non dimentico che metà di me affonda le radici lì. Sono una bambina che attraversa volentieri le strade accanto all'Olona, montagne russe per continuare a giocare. A Marnate oggi, con i miei amici della Pro Patria, la conferma che sono luoghi meravigliosi. Piccoli, ed enormi perché capaci di unirci. Si sa ascoltare la gente, senza tribunette su cui arrampicarsi per dispensare dubbie lezioni. Il sindaco, non mi viene da chiamarlo sindaco. Ma non per mancanza di rispetto. È il Celestino. Lo conosco da tanti anni, ma anche chi l'ha visto oggi per la prima volta, lo chiamerà così. Un uomo che ha aperto subito il cuore a noi tifosi, al nostro libro spontaneo, alla nostra amicizia. Appena finito (e vinto, per chi non si è goduto la festa) il campionato, il Celestino ha premiato un suo concittadino: capitan Serafini. Con lui il Piso (per noi), ovvero l'assessore che porta la sua passione in municipio tutti i giorni. Ti ascolta, Celestino, e ti spalanca il mondo. Dai ragazzi, uniamoci per la Pro. Lui che da bambino, andava al campo e manovrava le canne dell'irrigazione, racconta. Lui che sa che il calcio, quello vero e profondo, tiene insieme le persone e le rende meno estranee.

Lui, il suo paese, la sua valle. Che resta verde, anche quando la aggrediscono. Io conosco poche tigri, come la Valle Olona, capace di rialzarsi ogni volta.

Come dimostrano anche le nuove fote di Ivano Ghezzi:


Mentre le vecchie foto di Ivano oggi hanno assunto ancora più Valore:
Dalla Regione 12 milioni per risanare l’Olona:

Claudia Terzi, assessore regionale all’Ambiente: « L’Olona è in queste condizioni soprattutto a causa dell’inadeguatezza delle reti fognarie e dei depuratori.Le opere finanziate dalla Regione contribuiranno a migliorare questa situazione». 
Luca Marsico, presidente della commissione Ambiente:: «Sono contento di questo stanziamento, è un segnale molto positivo, adesso credo serva un coordinamento regionale, il Pirellone potrebbe farlo lungo il percorso di realizzazione delle opere».
Giogio Volpi, sindaco di Olgiate Olona: «È un ottimo segnale che arriva dopo i positivi incontri della commissione regionale Ambiente con tutti i soggetti interessati. È stato importante questo approccio al problema con varie audizioni che ha permesso di avere un quadro completo della situazione».

giovedì 4 luglio 2013

"dimostrate di essere ispirati da quegli ideali di libertà..." Sandro Pertini

"dimostrate di essere ispirati da quegli ideali di libertà..."  il Presidente della Repubblica Sandro Pertini Pe...