martedì 16 dicembre 2014

Il Natale a Solbiate



Quest'anno il gruppo dei MastrArtisti si è superato,volendo regalare il Presepe in un luogo molto suggestivo e caratteristico di Solbiate, l'interno del cortile del Sacro Cuore.
L'impresa non è stata semplice, la pulitura e la messa in sicurezza hanno richiesto parecchio tempo, quindi il risultato finale è già sopra ogni aspettativa, sicuramente per anni futuri ci sarà un ampliamento ed un miglioramento del Presepe.
 


La visione più suggestiva è sicuramente al calar del sole, quando si accendono le luci scintillanti che nel chiaror della notte portano quel calore e quella speranza che a Natale tutti auspichiamo...
...i MastrArtisti con il loro lavoro augurano a tutta la comunità di Solbiate un Sereno Natale!!!


...e la Comunità solbiatese ringrazia sentitamente

(Foto di Aldo Moroni)


 Ferve anche l' attesa per il Mercatino natalizio: "Le Natala de Sulbia"
Durante la giornata si potrà votare la bancarella più bella e si potrà ammirare la mostra di presepi curata dalle scuole cittadine. Spazio anche al presepe e ai Giochi dei MastrArtisti. Dalle 12 pranzo con polenta e bruscitti o gorgonzola mentre alle 14 sarà possibile fare una foto ricordo con Babbo Natale e consegnare le letterine con le richieste di regalo. 


Se avete Presepi particolari, che vi piacerebbe esporre? Contattateci e portatelo sabato pomeriggio alla Chieda del Sacro Cuore. ATTENZIONE: sono ancora aperte le iscrizioni per gli espositori!!!

 
Se volete esser sicuri che Babbo Natale passi da casa vostra



Venerdì 19 all' Oratorio ci sarà il Concerto Gospel con il Praise The Lord Gospel Choir


Per le ultime notizie natalizie potete vedere la nuova edizione del TG Solbiatese




venerdì 28 novembre 2014

il Futuro della Valle Olona è nei giovani

E' proprio la fiducia il fattore determinante capace di generare un sentimento identitario forte nelle giovani generazioni, che nel confronto con gli altri possono ri-conoscere la propria tradizione e sviluppare quel senso di appartenenza utile nel portarli a scegliere di vivere la propria comunità in maniera attiva. (http://www.borghiautenticiditalia.it/bai/4-tema-giovani-e-futuro/)



"Il mio elaborato dal titolo Analisi dell'immagine della Valle Olona e proposta di rivitalizzazione attraverso una strategia di marketing territoriale, è stato redatto in conclusione del Master Gestione dello Sviluppo Territoriale e Locale dell'Università di Siviglia...un impulso per le Amministrazioni locali nello sviluppare un innovativo piano strategico per l'ambito congiunto della Valle Olona".
Alberto Pala

"Il mio progetto di laurea La Ferrovia della Valmorea e la riqualificazione del complesso industriale Cerini a Castellanza ha come scopo quello di dare una nuova identità a tutto il territorio Valle Olona, dal comune di Castellanza in sù...o scintillante passato della Valle Olona ci ha lasciato in eredità un luogo d'importanza storica, architettonica, ambientale e con un'alta accessibilità".
Alice Favrin

"Sfruttando la Ferrovia della Valmorea non come punto di arrivo, ma come punto di partenza per ulteriori traguardi. La mia tesi parte da un'analisi della situazione attuale delle ferrovie dismesse, dove metto in evidenza come in Italia rispetto al resto d'Europa sia stato fatto ben poco per cercare di recuperare questi vecchi tracciati abbandonati, parlando poi delle cause che hanno portato alla loro dismissione. Dopo aver analizzato quel poco ottenuto mostrando alcuni esempi, ho dedicato tutta la seconda parte della tesi alla Ferrovia della Valmorea. Dopo aver ricostruito la storia dalla nascita alla chiusura totale, ho ipotizzato un'idea di recupero totale della stessa, con una doppia funzionalità, riattivare la ferrovia come linea turistica durante il fine settimana e come linea di tram-treno durante la settimana".
Vanessa Quedivici


Così la nostra Associazione in occasione dell’ incontro UN FUTURO PER LA VALLE OLONA
Marnate, 27 novembre 2014 ha voluto dare un piccolo premio i tre giovani:

Perchè i giovani rappresentano la fascia di popolazione attiva di domani, che con la propria professionalità e la propria esperienza possono contribuire a trovare soluzioni nuove ed innovative per rispondere alle sfide che lo sviluppo locale impone;

Perchè i giovani che restano sono l’espressione più viva e diretta di un territorio che ha scelto di farcela, rappresentando quel valore aggiunto per essere competitivi rispetto alla frammentazione della vita sociale a livello di globalizzazione;


Perchè i giovani attivi e protagonisti del proprio territorio sono la risorsa più efficace, attraverso la condivisione storica-identitaria, per non perdere tradizioni e modi di vita legati al passato e spesso non codificati

La serata si è poi conclusa con le splendide immagini di Marino Bianchi



Altre info su ValleOlona.com

venerdì 21 novembre 2014

il Futuro della Valle Olona

A due anni esatti di distanza dal rilancio del progetto, l'Ecomuseo della Valle Olona intende uscire dalla lunga fase di studio, incontri, accordi e scambi di idee, per riuscire finalmente e portare sul campo il gran lavoro svolto finora. La fase, più lunga del previsto, per coinvolgere il più possibile Amministrazioni, Associazioni e singoli cittadini a contribuire con la propria esperienza e le proprie capacità in un percorso capace di cambiare in meglio la Valle Olona, deve ora necessariamente portare a un bilancio sulla base del quale programmare i passi successivi. Tutto questo, nell'interesse prioritario di chi la vive, ma in prospettiva non tanto lontana anche per una possibilità di rilancio economico... continua su Valleolona.com


Sarà presentata anche la prima bozza di una guida rapida rivolta a chi percorre abitualmente od occasionalmente la pista ciclopedonale da Castellanza a Castiglione Olona e può essere interessato a scoprire meglio i paesi che si attraversano". Il volume, realizzato interamente con il contributo di volontari e Associazioni, sarà messo a disposizione in formato Pdf sul sito Web dell'Ecomuseo, e proposto quindi alle Amministrazioni per arrivare alla stampa vera e propria, possibilmente in tempo per Expo 2015. E' solo il primo di una serie di lavori simili ai quali il gruppo dell'Ecomuseo sta lavorando. Saranno poi proiettate delle splendide fotografie di Marino Bianchi.

L’albero: la sua storia, la nostra storia

La Giornata Nazionale degli Alberi, riconosciuta dalla Legge n. 10 del 14 gennaio 2013 (norme per lo sviluppo degli spazi verdi urbani), rappresenta l'occasione privilegiata per porre l'attenzione sull'importanza degli alberi per la vita dell'uomo e per l'ambiente. Tale giornata è individuata per legge nel 21 novembre di ogni anno e nasce con l’obiettivo di sensibilizzare l’opinione pubblica sull’importanza del patrimonio arboreo e boschivo mondiale ed italiano. E' un appuntamento ormai tradizionale per gli italiani.

Ogni anno la Giornata è intitolata a particolari temi di rilevante valore etico, culturale e sociale. Il tema scelto per quest’anno è: “L’albero: la sua storia, la nostra storia”.
Gli alberi rappresentano, infatti, da sempre un valore inestimabile per l’umanità, sono custodi della nostra memoria e fonte di risorse preziose. Essi sono elementi fondamentali dell’ecosistema e, in modo particolare nelle città, contribuiscono significativamente a contrastare l’inquinamento ambientale e a migliorare la qualità della nostra vita. Alcuni alberi sono stati testimoni di importanti avvenimenti storici, altri sono legati a leggende tramandate, altri ancora hanno “visto” cambiamenti importanti nel tempo e nel territorio circostante, altri hanno visto tutti i bambini andare a scuola


Se oggi ci passate vicino fate una foto mentre lo abbraciate e condividitela sui Social Network con #abbraccialo e #festadellalbero




La Giornata Nazionale degli Alberi, riconosciuta dalla Legge n. 10 del 14 gennaio 2013 (norme per lo sviluppo degli spazi verdi urbani), rappresenta l'occasione privilegiata per porre l'attenzione sull'importanza degli alberi per la vita dell'uomo e per l'ambiente. Tale giornata è individuata per legge nel 21 novembre di ogni anno e nasce con l’obiettivo di sensibilizzare l’opinione pubblica sull’importanza del patrimonio arboreo e boschivo mondiale ed italiano. E' un appuntamento ormai tradizionale per gli italiani, ma che si rinnova e si carica di significati sempre diversi ad ogni edizione.
Ogni anno la Giornata è intitolata a particolari temi di rilevante valore etico, culturale e sociale. Il tema scelto per quest’anno è: “L’albero: la sua storia, la nostra storia”.
Gli alberi rappresentano, infatti, da sempre un valore inestimabile per l’umanità, sono custodi della nostra memoria e fonte di risorse preziose. Essi sono elementi fondamentali dell’ecosistema e, in modo particolare nelle città, contribuiscono significativamente a contrastare l’inquinamento ambientale e a migliorare la qualità della nostra vita. Alcuni alberi sono stati testimoni di importanti avvenimenti storici, altri sono legati a leggende tramandate, altri ancora hanno “visto” cambiamenti importanti nel tempo e nel territorio circostante, sono il simbolo di un millenario rapporto fra l’uomo e la natura, fatto di rispetto e armonia.
- See more at: http://www.minambiente.it/pagina/giornata-nazionale-degli-alberi-2014#sthash.WGMPp1rk.dpuf
La Giornata Nazionale degli Alberi, riconosciuta dalla Legge n. 10 del 14 gennaio 2013 (norme per lo sviluppo degli spazi verdi urbani), rappresenta l'occasione privilegiata per porre l'attenzione sull'importanza degli alberi per la vita dell'uomo e per l'ambiente. Tale giornata è individuata per legge nel 21 novembre di ogni anno e nasce con l’obiettivo di sensibilizzare l’opinione pubblica sull’importanza del patrimonio arboreo e boschivo mondiale ed italiano. E' un appuntamento ormai tradizionale per gli italiani, ma che si rinnova e si carica di significati sempre diversi ad ogni edizione.
Ogni anno la Giornata è intitolata a particolari temi di rilevante valore etico, culturale e sociale. Il tema scelto per quest’anno è: “L’albero: la sua storia, la nostra storia”.
Gli alberi rappresentano, infatti, da sempre un valore inestimabile per l’umanità, sono custodi della nostra memoria e fonte di risorse preziose. Essi sono elementi fondamentali dell’ecosistema e, in modo particolare nelle città, contribuiscono significativamente a contrastare l’inquinamento ambientale e a migliorare la qualità della nostra vita. Alcuni alberi sono stati testimoni di importanti avvenimenti storici, altri sono legati a leggende tramandate, altri ancora hanno “visto” cambiamenti importanti nel tempo e nel territorio circostante, sono il simbolo di un millenario rapporto fra l’uomo e la natura, fatto di rispetto e armonia.
- See more at: http://www.minambiente.it/pagina/giornata-nazionale-degli-alberi-2014#sthash.WGMPp1rk.dpuf
La Giornata Nazionale degli Alberi, riconosciuta dalla Legge n. 10 del 14 gennaio 2013 (norme per lo sviluppo degli spazi verdi urbani), rappresenta l'occasione privilegiata per porre l'attenzione sull'importanza degli alberi per la vita dell'uomo e per l'ambiente. Tale giornata è individuata per legge nel 21 novembre di ogni anno e nasce con l’obiettivo di sensibilizzare l’opinione pubblica sull’importanza del patrimonio arboreo e boschivo mondiale ed italiano. E' un appuntamento ormai tradizionale per gli italiani, ma che si rinnova e si carica di significati sempre diversi ad ogni edizione.
Ogni anno la Giornata è intitolata a particolari temi di rilevante valore etico, culturale e sociale. Il tema scelto per quest’anno è: “L’albero: la sua storia, la nostra storia”.
Gli alberi rappresentano, infatti, da sempre un valore inestimabile per l’umanità, sono custodi della nostra memoria e fonte di risorse preziose. Essi sono elementi fondamentali dell’ecosistema e, in modo particolare nelle città, contribuiscono significativamente a contrastare l’inquinamento ambientale e a migliorare la qualità della nostra vita. Alcuni alberi sono stati testimoni di importanti avvenimenti storici, altri sono legati a leggende tramandate, altri ancora hanno “visto” cambiamenti importanti nel tempo e nel territorio circostante, sono il simbolo di un millenario rapporto fra l’uomo e la natura, fatto di rispetto e armonia.
- See more at: http://www.minambiente.it/pagina/giornata-nazionale-degli-alberi-2014#sthash.WGMPp1rk.dpuf
La Giornata Nazionale degli Alberi, riconosciuta dalla Legge n. 10 del 14 gennaio 2013 (norme per lo sviluppo degli spazi verdi urbani), rappresenta l'occasione privilegiata per porre l'attenzione sull'importanza degli alberi per la vita dell'uomo e per l'ambiente. Tale giornata è individuata per legge nel 21 novembre di ogni anno e nasce con l’obiettivo di sensibilizzare l’opinione pubblica sull’importanza del patrimonio arboreo e boschivo mondiale ed italiano. E' un appuntamento ormai tradizionale per gli italiani, ma che si rinnova e si carica di significati sempre diversi ad ogni edizione.
Ogni anno la Giornata è intitolata a particolari temi di rilevante valore etico, culturale e sociale. Il tema scelto per quest’anno è: “L’albero: la sua storia, la nostra storia”.
Gli alberi rappresentano, infatti, da sempre un valore inestimabile per l’umanità, sono custodi della nostra memoria e fonte di risorse preziose. Essi sono elementi fondamentali dell’ecosistema e, in modo particolare nelle città, contribuiscono significativamente a contrastare l’inquinamento ambientale e a migliorare la qualità della nostra vita. Alcuni alberi sono stati testimoni di importanti avvenimenti storici, altri sono legati a leggende tramandate, altri ancora hanno “visto” cambiamenti importanti nel tempo e nel territorio circostante, sono il simbolo di un millenario rapporto fra l’uomo e la natura, fatto di rispetto e armonia.
- See more at: http://www.minambiente.it/pagina/giornata-nazionale-degli-alberi-2014#sthash.WGMPp1rk.dpuf

lunedì 17 novembre 2014

Un progetto che fa acqua da tutte le parti ?


Avete mai pensato a come il nostro Paese sarebbe diverso, se fosse davvero capace di sfruttare il proprio patrimonio artistico, storico e culturale? E’ un discorso comune, soprattutto tra chi rientra da vacanze all’estero, quello sulle meraviglie d’Italia: poco o mal sfruttate, non sempre valorizzate, non comunicate, difficilmente messe in rete. Eppure sono luoghi ideali per chi ama conciliare la voglia di relax e la scoperta del patrimonio storico artistico che ci caratterizza.  Nata nel 2009 la nostra associazione  è una iniziativa  che vuole contribuire a tutelare, conservare, valorizzare e tramandare l' immenso – e poco conosciuto – Patrimonio della Valle Olona che altrimenti andrebbe irrimediabilmente perduto.

 L' amministrazione solbiatese de la Voce Solbiatese con il nuovo "Progetto preliminare adeguamento sfioratoi comunali"  purtroppo sembrerebbe andare in direzione opposta.
                 

Una descrizione particolarregiata del progetto la trovate qui
http://www.valleolona.com/notiziario/2014/201411/141118_solbiate_vasche.html

"...ogni centimetro del prato attuale compreso tra la via Calvi e la pista ciclopedonale sia destinato a essere sfruttato per la realizzazione delle due vasche. Una più piccola per le acque di prima pioggia e una seconda molto più estesa per la raccolta delle eccedenze. Al contrario della fitodepurazione, si tratta di acque fangose e sporche, provenienti dalle strade e dalle abitazioni. Inoltre, la planimetria indica una profondità massima di scavo pari a quattro metri e mezzo sotto la superficie attuale e un'estensione tale da arrivare a ridosso del percorso riservato a pedoni e ciclisti. Come se non bastasse, al fine di realizzare un argine, la strada verrà rialzata di circa tre metri. Vale a dire, un'altezza massima di oltre sette metri tra il fondo e il passaggio di persone,...
Sarebbe bastato spostarne la realizzazione nel campo attiguo, con un' esigua spesa aggiuntiva, rispetto al costo complessivo di 1.150.000€ ?


Crediamo invece che  la vera scelta sarebbe stata quella di coordinarsi con gli altri Comuni della Valle, oltre a Provincia e Regione, sia per ripensare il depuratore di Olgiate Olona, sia per portare a completamento la separarazione tra le acque bianche  dalle acque nere

altrimenti se ogni Comune costruisse delle proprie vasche,
non ci sarebbe più un prato libero in tutto il Parco del Medio Olona, senza dimenticare che l'acqua delle piene, 
non potendo più defluire nei prati, 
finirebbe per allagare Castellanza e Legnano

Perchè è necessario preservare e valorizzare i borghi? Quali attività si fanno normalmente per valorizzare questi posti, e cosa portano al comune che li organizza?  Un esempio di  risposte corrette  le trovate su Urbano Creativo , ne riportiamo qui alcuni passi:

“Tanta parte del nostro Paese è fatta di piccole comunità e piccole amministrazioni, che rappresentano il tessuto connettivo dell’Italia, un presidio diffuso straordinario che non può semplicemente essere dismesso perché significherebbe dismettere più di metà dell’Italia, con evidenti ripercussioni per tutti. Spesso rappresentano la parte ambientalmente, paesaggisticamente, urbanisticamente, insieme più fragile ma anche più bella di questo straordinario Paese. Non si può dismettere la storia, la cultura, le mille identità, non si può dismettere il presidio di territorio e di coesione sociale, non si può rinunciare ad amministrare e governare questi territori e queste comunità attraverso i Comuni”, afferma Mauro Guerra, deputato comasco sindaco del comune di Tremezzina, che ha recentemente Unito cinque piccoli comuni del centro Lario.

I borghi possono essere delle realtà da cui partire nel processo di innovazione del nostro Paese. Una nazione, una città, un paese è smart quando la cittadinanza è attiva, quando si crea una comunicazione intelligente tra pubblica amministrazione e cittadini, tra, e riesce ad instaurarsi uno scambio proficuo.

I borghi si distinguono dalle grandi città perché la gestione del processo per diventare “smart village” parte da una prospettiva diversa: è necessario coinvolgere direttamente la cittadinanza, le associazioni, le botteghe e gli artigiani. Ciò rappresenta una grande potenzialità perché in luoghi come questi i cittadini sono ancora legati alle tradizioni, il che significa una maggiore predisposizione da parte degli abitanti alla collaborazione. È per questo che, per proporre una linea di sviluppo, bisogna analizzare il contesto storico e culturale, il che significa porre al centro le persone e sfruttare la partecipazione e la creatività dei cittadini...

Infine, questo progetto implica la creazione di una rete in grado di superare i vincoli, quali il reperimento di risorse finanziarie, che spesso sono causa di un sfruttamento superficiale delle potenzialità di questi siti di alto pregio storico e culturale. Insomma, l’unione farebbe quella forza che un piccolo borgo da solo, confrontato ad una metropoli, non potrebbe possedere.

Come si costruiscono nel concreto queste dinamiche virtuose? Lo abbiamo chiesto a Brunico, comune altoatesino che fa parte dei Borghi più belli d’Italia e che quest’anno è stato incoronato “borgo più felice 2014″... Si parla dunque di un’impostazione non più legata a macrosistemi, ma ad esigenze reali, in cui entrano in campo anche prospettive sociologiche nella costruzione dei progetti i quali avranno una caratteristica in più: la forza di essere unici e sentiti. E quindi forse più forti...

Per voi cosa significa essere smart? Come interpretate la sfida per diventare sempre più una città intelligente?“Essere smart significa in prima linea puntare sul teamwork, insieme si è più efficienti e più flessibili. Una città intelligente sa sfruttare al meglio le proprie risorse, le gestisce con circospezione e nella sue scelte considera sempre anche le ripercussioni che avranno sul futuro. Essere intelligenti significa soprattutto non vivere a carico delle generazioni future”.  

Su cosa puntate per il futuro?
“Consolidare i risultati finora ottenuti e stare attenti alle esigenze che cambiano. Ci impegniamo al fine di mantenere la qualità di vita a Brunico quale centro economico della Valla Pusteria, ma anche luogo di studio, della cultura e dello sport. Una delle prossime sfide concrete del comune di Brunico in programma ancora questo mese, è la certificazione European Energy Award Gold per l’insieme delle misure di efficienza energetica prese nel nostro comune. Il primo European Energy Award che ci è stato conferito risale al 2011″.

Foto di Aldo Moroni

Al contrario l' amministrazione "Voce Solbiatese" in uno dei sui primi atti stornava dal bilancio 400.000€ destinati all' installazione di pannelli solari sugli edifici pubblici, che avrebbero garantito in tutti questi anni un entrata stabile per le spese di partita corrente. Per poi alla fine del mandato rinunciare, come opera di compensazione di Pedemontana,  al Parco di Solbiate.

Per il futuro questa opera se sarà realizzata, oltre a cancellare un pezzo di storia di Solbiate ed uno dei suoi angoli più belli, inoltre, nel caso che l' acqua per tenere un minimo di flusso nelle vasche, venga presa a monte del Cotonificio,  potrebbe mettere fine anche al  sogno di poter recuperare il Salto del Cotonificio per la produzione di energia elettrica.

 Foto da informazioneonline


Un progetto che fa acqua da tutte le parti

sabato 8 novembre 2014

La "Scaletta" per Expo2015

Grazie ai nostri amici di City Planner, dopo la mappatura dell' Albero più bello di Solbiate per Natural Tree ecco un' altra Nostra eccelenza meritarsi un posto d' onore per Expo 2015

La Scaletta di Solbiate

nata operaia...





per diventare la "Scala" del Ciclismo più povero ma vero



Le altre bellezze della Valle Olona le trovate qui:
http://www.cityplanner.it/valleolona/

La potete trovare anche su Open Street Map

sabato 1 novembre 2014

la Numero Zero del G.S. Solbiatese : la sua nuova Primavera

"Che il ciclismo sia un formidabile creatore di storie, noi che lo amiamo da sempre non lo scopriamo oggi. Storie tragiche e grandiose, consegnate alla leggenda da immagini celebri e letteratura straordinaria"* (da Lef Wing). L' ultima corsa della stagione, il Giro di Lombardia è chiamata: Classica delle Foglie morte, grazie alla poesia che il ciclismo sa inventare, ma domani 2 novembre si pedalerà la Numero Zero del G.S. Solbiatese ,  
ovvero: come scoprire dopo anni che in certi casi a guidare la bici si deve ricominciare da zero… 


Il G.S.Solbiatese è pronto ad accogliere sia atleti decisi a dare il meglio, ma anche  semplici appassionati che vogliano mettersi alla prova su un percorso dal sapore antico, tutta fatica, freddo, fango e denti stretti. Il bello delle storie è che accadono. Il bello delle storie è raccontarle. Ma certe storie si raccontano da sole".

sabato 25 ottobre 2014

Cinquanta metri di fantasia


"Cinquanta metri di fantasia" è un bellissimo libro di Battista Arioli che alcuni anni fa venne pubblicato con le meravigliose fotografie dei dipinti di Antonio Rubino della Sala Alba di Villa Gonzaga ad Olgiate Olona.



Oggi quei dipinti, dopo tanti anni, sono stati recuperati e restaurati e i "Cinquanta metri di fantasia" sono Cinquanta metri di realtà. Le grande sala è tornata a risplendere e dopo trent'anni riaprirà definitivamente i battenti dal giorno 8 novembre 2014, giorno della prevista inaugurazione ufficiale.
È prevista una ricca programmazione per i giorni dell'inaugurazione.

Venerdì 7 novembre 2014 alle ore 20.45 presso il Cinema Teatro Nuovo di Olgiate Olona sito in via Bellotti, 22 ad Olgiate Olona, il delegato alla cultura Mauro Carnelosso presenterà ufficialmente il programma per l'apertura della Sala Alba. A seguire "Il racconto del Rubino, i dipinti in Villa Gonzaga", una conferenza spettacolo a cura di Paolo Maccabei che ci accompagnerà nel magico mondo di Antonio Rubino. Nel corso della conferenza-spettacolo verrà presentato un breve video girato all'interno della sala Alba con i bambini del Centro Arte Danza diretto da Antonella Colombo e Daniela Macchi. Marilena Garufi durante la conferenza realizzerà un bellissimo disegno di Antonio Rubino.
Sabato 8 novembre 2014 alle ore 10.30 presso il Teatrino di Villa Gonzaga verrà presentata la figura di Antonio Rubino con una tavola rotonda dal titolo "Antonio Rubino e il ciclo di tempere di Villa Gonzaga" con la nipote dell'artista Sanremese, signora Antonietta Rubino, di Loredana Marchi direttrice del Museo Civico di Sanremo, di Martino Negri docente di storia della letteratura infantile presso l'Universita Bicocca di Milano, di Marco Cassini autore del Libro "Antologia del Rubino", di Claudio Porchia e Alfredo Moreschi autori della mostra "I fiori del Rubino", di Paola Bergamini delegata alla cultura del Comune di Bajardo e di Battista Arioli autore del libro "Rubino, cinquanta metri di fantasia". Alle 11.30 l'inaugurazione ufficiale della Sala Alba in Villa Gonzaga.
La sala sarà aperta al pubblico anche nel pomeriggio del Sabato 8 novembre dalle ore 14.30 alle ore 17.30 e Domenica 9, Sabato 15 e Domenica 16 novembre 2014 dalle ore 10.00 alle ore 12.00 e dalle 14.30 alle 17.30. Per tutti gli eventi l'ingresso e libero e gratuito per la cittadinanza.

Inoltre Sabato 16 novembre alle ore 11.00 presso il Teatrino di Villa Gonzaga verrà inaugurata la mostra del fumetto "Cronache del Seprio" realizzata con la Pro Loco di Olgiate Olona e con la collaborazione di Paolo Maccabei e Leonardo Richiusa, con tavole dedicate ad Antonio Rubino. Saranno presenti gli autori Agostino Alloro, Tommaso Bianchi e Giovanni Pellini.
La mostra del Fumetto "Cronache del Seprio" sarà aperta da Domenica 16 a Domenica 23 novembre dalle ore 10.00 alle 12.00 e dalle 14.30 alle 18.30.

Antonio Rubino nasce a Sanremo nel 1880. E’ stato uno dei precursori nell’attività di disegnatore di storie per vignette in Italia. Nel 1908 è tra i fondatori del Corriere dei Piccoli e da’ vita a straordinari personaggi. Durante la prima guerra mondiale collabora con le sue illustrazioni al giornale di trincea “La tradotta”. Negli anni trenta con Mondadori dirige Topolino; nel 1939 realizza i dipinti nel refettorio dell’OPAI all’interno di Villa Gonzaga ad Olgiate Olona. Collabora con il Corriere dei Piccoli sino al 1958. Muore a Bajardo in provincia di Imperia nel 1964. La città di Sanremo ha dedicato a Rubino una sala del Museo Civico. Nel settembre del 2014 si sono conclusi i restauri nella Sala Alba di Villa Gonzaga ad Olgiate Olona.


lunedì 20 ottobre 2014

SolWebTV porta a Solbiate Olona un'informazione nuova e alla portata di tutti


SolWebTV porta a Solbiate Olona un'informazione nuova e alla portata di tutti
 


Debutta online il TG Solbiate, prima edizione di un notiziario che non nasconde l'ambizione di affermarsi come canale di comunicazione indipendente, obiettivo e sempre pronto ad ascoltare le richieste del paese

Solbiate Olona, 20 Ottobre 2014 - Anche in un paese piccolo come Solbiate Olona, non sempre è facile restare aggiornati sui fatti in stretta relazione con la vita degli abitanti. Non si parla in questo caso solo delle chiacchiere tra amici o dello scambio di opinioni tra vicini di casa o altri conoscenti incrociati per strada. Quasi tutti i giorni, ci sono tante altre notizie che trovano spazio limitato sui canali di informazione perchè scarsamente appetibili e risultano quindi poco note alla maggioranza della popolazione, nonostante le riguardino in prima persona.  Si tratta di notizie importanti, sia nell'adempimento dei propri doveri sia nel poter esercitare un proprio diritto, oppure più semplicemente per capire come sta cambiando il proprio paese e in che misura può essere possibile diventarne protagonisti.
Questa esigenza condivisa da un gruppo di persone ha portato alla nascita di SolWeb TV, un'iniziativa per aiutare a conoscere, scoprire e approfondire tanti aspetti di Solbiate Olona a volte nascosti o difficili da raggiungere. Un'iniziativa senza alcun obiettivo se non quello di informare e dare spazio alla gente del posto, per capire insieme di che cosa ha bisogno il paese e come si può contribuire a renderlo un po' migliore.
"Probabilmente anche a causa della mia professione di giornalista, sono per natura piuttosto critico verso il mondo dell'informazione - afferma Giuseppe Goglio, direttore di SolWebTV -. Per questo, ho accettato volentieri l'invito di tanti miei compaesani a unire le forze per realizzare qualcosa in grado di offrire un punto di vista diverso, distaccato e completo di quanto avviene a Solbiate Olona. Ci siamo trovati tutti d'accordo praticamente subito, al punto che questo risultato del primo numero del TG Solbiate è stato raggiunto in pochi giorni".
SolWeb TV si affida esclusivamente alla buona volontà di chi si è già dichiarato disponibile per dedicare un parte del proprio tempo libero al raggiungimento di questi obiettivi ed è pronto a confrontarsi anche con pareri e posizioni diverse, lasciando però da parte ogni pregiudizio, speculazione o interesse personale.
"Ci piacerebbe raccontare cosa succede tutti i giorni a Solbiate Olona, capire meglio come possiamo contribuire a migliorare la qualità di vita di tutti, quindi anche la nostra - prosegue Goglio -, e scoprire insieme quali possano essere le esigenze più diffuse". Il punto di partenza è quindi un piccolo canale di informazione online, visibile attraverso YouTube, ma anche su alcuni siti Web locali, come ValleOlona.com e Buongiorno Solbiate,  su smartphone, tablet PC, computer e sui televisori di ultima generazione. Più in generale, qualsiasi dispositivo dotato di accesso a Internet e capace di riprodurre un video.
L'obiettivo è proporre una serie di spunti, notizie e curiosità senza rinunciare a critiche circostanziate e costruttive, da parte di chiunque, presentando  quelli che verranno visti come gli aspetti più rilevanti della vita a Solbiate Olona. Soprattutto, saranno benvenuti  i contributi di tutti. Consigli, critiche, riflessioni, senza distinzione di alcun tipo e sinceramente intenzionati a rendere il luogo dove viviamo un paese migliore, sono e saranno sempre i benvenuti.
"Dopo aver appurato la totale neutralità del progetto, ho accettato volentieri di mettermi a disposizione e assumermi la responsabilità del prodotto - conclude Goglio -. Ringrazio anzi per la fiducia mostrata nei miei confronti e intendo impegnarmi per ripagare tutti con un'informazione affidabile, obiettiva e utile, confidando nel contributo di tutti per segnalare novità, precisazioni, spunti, ma anche errori e imprecisioni".
Il primo numero del TG Solbiate è già visibile. Oltre all'attualità, a piccole inchieste locali, ampio spazio ad associazioni e prossimamente anche al commercio locale.

ValleOlona.com: http://valleolona.com/

martedì 14 ottobre 2014

Il Nostro fiume Olona sempre più fotogenico

Il Nostro fiume Olona protagonista  al sesto concorso fotografico della Bcc di Busto Garolfo e Buguggiate. Organizzato dal Circolo Culturale e Ricreativo della Bcc, il concorso aveva come tema “L’architettura industriale del nostro territorio Altomilanese e Varesotto”.


Per la sezione in bianco e nero a tema “Il nostro territorio Altomilanese e Varesotto”, il primo premio è stato assegnato alla fotografia “Fiume Olona” fatta a Gorla Minore da Marco Corti (Cerro Maggiore) ,  mentre “Riflessi della stamperia Valeri nell’Olona” di Luca Cassinelli il premio per gli under 16.



«Lo spirito con cui viene proposto il concorso fotografico è proprio quello di permettere apprezzare quanto abbiamo sotto gli occhi tutti i giorni...», ha osservato il presidente della Bcc di Busto Garolfo e Buguggiate, Roberto Scazzosi.

giovedì 2 ottobre 2014

...ma soprattutto pedalate!

...perchè fa bene a tutti


A condizione di far fatica, a condizione di esser disposti al sacrificio. Nessun traguardo facile è vero. E’ questo, la bicicletta lo insegna più di tutto.

mercoledì 1 ottobre 2014

...e anche impegnarsi nello studio



Si comunica che l'Amministrazione comunale ha approvato l'apertura del Bando di Concorso
"Premio allo studio 2014", le domande potranno essere presentate dal 1 ottobre al 8 novembre 2014.


     REQUISITI DI MERITO PER L’INSERIMENTO NELLE GRADUATORIE
  
    PER GLI ALUNNI CHE ABBIANO SOSTENUTO L’ESAME DI TERZA MEDIA AL TERMINE DELL’A.S. 13-14 PRESSO UNA SCUOLA SECONDARIA DI 1° GRADO :
-    avere ottenuto una votazione pari a 9/10, 10/10 o 10 e lode/10 dall’esame di cui sopra

    PER GLI ISCRITTI ALLA SCUOLA SECONDARIA DI SECONDO GRADO :
-    media scolastica finale non inferiore a 8,0/10 (80/100 per i diplomati)
-    non avere debiti formativi

    PER GLI ISCRITTI AD UN CORSO DI LAUREA
•    aver superato l’80% del numero di esami previsti dal piano di studio proposto dalla propria facoltà d’appartenenza nell’anno 2013-2014, più tutti quelli degli anni precedenti
•    avere conseguito, negli esami previsti dal Piano di Studio dell’anno accademico 2013/2014, una media matematica di almeno 28/30, oppure avere conseguito la laurea con votazione non inferiore a 102/110

Al seguente link sono disponibili il bando e il modulo per la richiesta di partecipazione:
 http://www.solbiateolona.org/news/9/22/2002/

Imparare le lingue serve...

Si comunica che l'Amministrazione Comunale organizza, in collaborazione con la Scuola di lingue "English for Business", corsi di lingua straniera per adulti. Le iscrizioni si effettuano, entro il 21 ottobre 2014, presso la Biblioteca comunale, oppure contattando direttamente la Scuola.



domenica 21 settembre 2014

Parole e Musica contro la Mafia

Sabato 20 settembre, dalle ore 21, alla palestra comunale di Buguggiate si è svolto un incontro aperto al pubblico sul tema della legalità e della lotta alle mafie. Massimiliano Comparin ha raccontato le vicende di vita di due grandi magistrati, Falcone e Borsellino, e di ciò che oggi resta del loro esempio e di due importanti inchieste (Wall Street e Isola Felice), entrambe condotte dal magistrato Armando Spataro, che hanno certificato la presenza mafiosa nel Nord Italia.
Sara Grippo, attrice, ha recitato due testi di donne che hanno sposato la causa dell’antimafia: Rita Borsellino e Piera Aiello, che ancora oggi vive sotto copertura. Piera Aiello è stata cognata di Rita Atria, testimone di giustizia diciassettenne affidata a Paolo Borsellino e che, una settimana dopo la strage di via d'Amelio, sentendosi abbandonata si uccise a Roma, dove viveva in segreto.
Un’esibizione musicale del gruppo Lazenby ha accompagnato con le sue note questa serata d'impegno civile, alla chitarra elettrica Max il presidente di Iniziativa 21058 :)





giovedì 18 settembre 2014

Semplicemente bella

In questo fine settembre la Valle Olona è al centro non solo di importanti avvenimenti sportivi e turistici come la Coppa Bernocchi (gara del Trittico Lombardo premondiale con Coppa Agostoni e Tre Valli Varesine), organizzata dalla storica U.S. Legnanese


o in occasione delle Giornate Europee del Patrimonio 2014 si prevedono due visite guidate del Castrum di Castelseprio, della chiesa di Santa Maria foris portas,  dell’Antiquarium e un’attività didattica, per bambini e ragazzi, sulla tessitura, l’abbigliamento e gli accessori in età longobarda.



e la Via Lattea organizzata dal Touring Club Italiano


Domenica 21 settembre 2014, il 3° circuito ciclo pedonale corre intorno ad un bene FAI e patrimonio dell’Unesco, il Monastero di Torba e poi segue un bellissimo tratto lungo il fiume Olona con i suoi boschi e le sue campagne. Partendo da Venegono Superiore si visitano il museo all’aperto dei vecchi reperti ferroviari all’ex stazione della Ferrovia Valmorea del 1904 di Castiglione Olona, la Collegiata di Castiglione Olona, con Battistero e Chiesa affrescati da Masolino da Panicale, il palazzo dei Branda, il Monastero di Torba a Gornate Olona





e di piccole iniziative,  altrettanto importanti per il rilancio della nostra Valle, come la Mostra Fotografica "Semplicemente Medio Olona"





Il Concorso ha visto come  Primo classificato per la categoria Amanti MediOlona l' amico IVANO GHEZZI; mentre come Primo classificato categoria Giovani MediOlona: CLAUDIA CAPRIO

e questa semplice pedalata didattico/culturale all'interno del Parco del Medio Olona organizzata dall' Ass. Sesto Sestiere, in collaborazione col PLIS


Ciclismo + Arte + Turismo le chiavi per il rilancio della Nostra Valle Olona ?

P.s. Senza dimenticare che tutte queste iniziate cadono proprio nella settimana dedicata dalla Comunità Europea  alla mobilità sostenibile 




lunedì 8 settembre 2014

Nuovi brand: la Camicia bianca

2010 - Pentathlon Solbiatese


2014 - Festa dell' Unità


...in attesa del Pranzo sociale 2014 di iniziativa21058

con o senza Patto del Tortellino ?

venerdì 5 settembre 2014

Una Graphic Novel lungo il fiume Olona

 “Cronache del Seprio” è un racconto, o meglio una “graphic novel” che porta alla scoperta dei luoghi artisticamente e storicamente significativi del Seprio e della Valle Olona,



 frutto di un meticoloso lavoro del disegnatore Tommaso Bianchi e dello sceneggiatore Luigi Pellini, fatto di ricerche, sopralluoghi e selezione dei luoghi durato circa due anni, che vorrebbe sia raccontare questi luoghi ma anche attrarre turisti con una modalità nuova e “leggera” di comunicare il territorio con quanto contiene.

Il progetto è stato realizzato grazie al sostegno e alla volontà delle Pro-loco di Gerenzano, Cislago, Castellanza, Olgiate Olona, Fagnano Olona, Cairate, Castiglione Olona, Tradate e dell’amministrazione comunale di Castelseprio. Il fumetto sarà distribuito dalle Pro-Loco e presto avrà una traduzione in lingua inglese proprio per varcare facilmente i confini nazionali e promuovere il territorio varesino. Inoltre è prevista anche una mostra itinerante delle tavole del fumetto sempre nell’ottica di incuriosire il lettore: infatti saranno esposte in luoghi di grande passaggio come stazioni e aeroporti per far conoscere in maniera originale ai turisti i luoghi del varesotto da visitare.


«Era il 1964 quando Crepax con il fumetto di Valentina - spiega Paola Della Chiesa, direttore dell’Agenzia del Turismo- rappresentava la Collegiata di Castiglione Olona. Oggi nel 2014 finalmente abbiamo un fumetto che illustra tutto il Seprio, un territorio importante della provincia di Varese ricco di luoghi significativi dal punto di vista della promozione turistica, grazie all’impegno delle Pro-Loco interessate e al grande lavoro di coordinamento svolto da Agostino Alloro».

Un viaggio in bicicletta quello di Giulia e Sebastiano, i due giovani protagonisti della storia, che parte da Gerenzano e si conclude a Tradate


passando, citando solo alcuni dei posti significativi, per il museo delle carrozze di Cislago, il parco-museo Pagani di Castellanza, villa Gonzaga a Olgiate Olona, il castello di Fagnano Olona, il Monastero di Cairate, la ricostruzione del combattimento del Castrum di Castelseprio, il ponte romano sull’Olona e la storica fabbrica di motociclette Frera di Tradate.


giovedì 4 settembre 2014

B come Bicicletta

Dal programma di Matteo Caccia in onda su laeffe


"Una sensazione di benessere ma soprattutto di libertà" cit. Filippa Lagerback


La nota conduttrice televisiva, firma questo volume, offrendo un punto di vista contemporaneo e femminile sulla bicicletta. Amante della bici fin da bambina, l’autrice è una fervente sostenitrice di questo mezzo di trasporto e a Milano, dove vive, è impegnata attivamente in campagne sulla sensibilizzazione per le due ruote: è portavoce dell’associazione dei Genitori antismog e sostenitrice di Ciclobby. Il libro, composto da testi brevi ma ricchi di curiosità e notizie, supportati da un impianto fotografico ampio e molto coinvolgente, è uno sguardo a 360 gradi sul mondo della bicicletta. Il testo è suddiviso in 10 capitoli, come una sorta di decalogo sulla scelta consapevole delle due ruote e sulle ragioni per cui la bicicletta può cambiare la vita di ognuno di noi: è ecologica, fa risparmiare tempo e denaro, è ottima per il fisico e la salute, ci avvicina alla natura, ci fa scoprire il mondo da un punto di vista nuovo, è ideale per socializzare e divertirsi. Il volume contiene inoltre parti informative, dove in maniera puntuale vengono elencati i vari tipi di biciclette e i tipi di terreno per i quali sono più adatte, sono descritte le parti che compongono la bici e offerti consigli per una corretta manutenzione del mezzo, oltre alle norme per la sicurezza e al manuale di comportamento dei ciclisti. Completano il volume itinerari e percorsi in Italia e nel mondo.


mercoledì 16 luglio 2014

Più Ciclisti e Più Sicuri

L' OBIETTIVO per FIAB è avere Più ciclisti e  Più sicuri, perchè: 
La bici non consuma,non produce emissioni,non ingombra e non fa rumore.
La bicicletta, amica del piccolo commercio,migliora il traffico, l’ambiente,la salute e l’umore.
La bici fa bene alla città e a chi la usa

 

Nel nostro piccolo cerchiamo di raggiungere gli stessi obiettivi:

e da quest'anno anche con il G.S. Solbiatese


"dimostrate di essere ispirati da quegli ideali di libertà..." Sandro Pertini

"dimostrate di essere ispirati da quegli ideali di libertà..."  il Presidente della Repubblica Sandro Pertini Pe...