giovedì 28 aprile 2016

Festa del Cotonificio, Solbiate Olona 8 Maggio 2016

Cotonificio Ponti - Via TOBLER 1, Solbiate Olona


Programma


Corsa podistica non competitiva Corri per la Valle

in collaborazione con le scuole elementari e medie 
di Solbiate Olona, Fagnano Olona e Gorla Maggiore



  • Ritrovo e iscrizioni ore 8.30 presso Cotonificio
  • ore 9.30 partenza cross categoria nati dal 2005 in avanti. Percorso 600 mt circa (un giro piccolo)
  • ore 10.00 partenza cross categoria nati dal 2002 al 2004. Percorso 4.000 mt circa (un giro grande)
  • ore 10.45 partenza cross categoria Adulti. Percorso 8.000 mt circa - tempo max 1,5 ore (2 giri grandi)

  • Dalle ore 11.30
    • Premiazioni della Corsa
    • Premazioni della Mostra-Concorso di disegno promosso dal       G.S. Solbiatese in collaborazione con Iniziativa 21058



    • La bicicletta spaziale. Per un Futuro più 
      sano e felice in bici
    • Dimostrazione di rappresentanti della Caserma Ugo Mara
    • Dimostrazione Accademia Vigili del fuoco
...e altre piccole sorprese...
Dalle ore 12.00 - Pranzo in compagnia, a cura di Pro Loco
Dalle ore 12.30 - Battesimo della Sella, a cura di EQUIRIA A.S.D.
Ore 14.30 - Visita guidata al Cotonificio


Per informazioni: Giuseppe Goglio: 3483827582 info@ecomuseovalleolona.it







domenica 24 aprile 2016

Ciminiere «Eleganti nel cielo»

C’era una volta la città delle cento ciminiere. Ora ne sono rimaste 17, ma per l’architetto Giovanni Ferrario meritano un riconoscimento ufficiale «come monumenti storici. Sono il vero “landmark” bustocco»...e della Valle Olona (ndr).

 GiovanniFerrario - Opera propria, CC BY-SA 4.0, 
https://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=43435634

Intanto per una ciminiera storica arriva la certezza della sua conservazione: quella dell’ex Calzaturificio Borri. «Le ciminiere, lascito rilevante della passata società industriale, sono tra i segni distintivi più significativi che insistono sul nostro territorio - dice Ferrario, noto architetto bustocco, sempre attento agli aspetti storici legati all’architettura - Busto, quando le sue industrie erano all’avanguardia nel settore tessile manifatturiero, era conosciuta come la “Manchester d’Italia” e tra i suoi edifici svettavano circa cento ciminiere, sorte la fine dell’Ottocento e gli inizi del secolo successivo. Costruite con maestria ed abilità da squadre specializzate con laterizi di particolari forme e tipologia, le ciminiere arrivavano ad una altezza anche superiore ai 20 metri ed i loro corpi cilindrici si rastremavano elegantemente verso l’alto». Nelle foto d’epoca, le ciminiere fumanti che si stagliano sullo sfondo dei campanili di San Giovanni o Santa Maria rappresentano un segno distintivo della città industriale che fu. Oggi ne sono rimaste appena «17, sparse sporadicamente sul territorio», stando all’ultimo censimento citato dall’architetto Ferrario. Le più celebri sono quelle nei parchi sorti sulle ceneri dei capannoni, come l’ex Milani, oppure l’ex Venzaghi e l’ex Dell’Acqua di via Pisacane.
«Alcune sono state tagliate e ridotte in altezza, altre svettano ancora nella loro interezza. Alcune fanno ancora parte di complessi industriali, ancora attivi o dismessi, altre sono state doverosamente conservate e recuperate e fanno ormai parte dei “monumenti” cittadini - sottolinea Ferrario - ma tutte loro sono degne di essere considerate quali “landmark” significativi, frammenti di archeologie industriali sopravvissuti al loro tempo, veri e propri beni culturali da tutelare. Rimarcare la loro importanza per la città è una sfida all’indifferenza e alla speculazione che ancora oggi le mette a rischio»...e c’è anche l’idea di «metterle a disposizione degli artisti per farne degli oggetti di arte contemporanea». 

Continua su La Provincia di Varese

La ciminiera più bella della Valle Olona




Vi aspettiamo tutti il prossimo 8 Maggio alla sua Festa

per correre passeggiare, mangiare,
 o divertirvi scoprendo alcuni aspetti poco conosciuti

A breve il programma completo

venerdì 22 aprile 2016

CICLOVIA FLUVIALE

Qual'è il tracciato della Ciclovia Olona Lura? Quanto costa? Dove passa? Quanta ne esiste già? Quanta è solo da sistemare? Che interconnessioni con la ferrovia? A queste ed altre domande rispondono i progettisti




INFRASTRUTTURA CICLABILI GIÀ ESISTENTI NEL TERRITORIO

Sul fronte infrastrutturale il territorio dell’Olona Lura appare molto avanzato, nel corso degli anni sono state realizzate diverse infrastrutture e molte iniziative hanno contribuito a radicare una consapevolezza istituzionale sulle potenzialità della mobilità ciclabile.
Troviamo soluzioni eccellenti nel territorio varesotto con la Pista Ciclabile della Valle Olona lunga 20 km da Castiglione Olona a Castellanza realizzata dalla Provincia di Varese, nel territorio milanese il PLIS Parco di Mulini sta realizzando una pista ciclabile in sede propria lunga 10 km tra Legnano e Nerviano, da anni appare consolidato l’itinerario in sede propria lungo il Canale Villoresi che si innesta nella Via d’Acqua Nord di Expo, una pista ciclabile lunga 10 km che lambisce il Comune di Arese, passando in territori comasco il Parco del Lura ha realizzato una serie di infrastrutture tra di loro coordinate che hanno definito una dorsale in grado di connettere Cadorago a Saronno, più a nord lungo il Lago di Como tra Cernobbio e Como esiste invece un itinerario ciclabile protetto lungo il lungo lago.
40 esistenti-40
Questo elenco descrive le principali arterie ciclabili esistenti nel territorio dell’Olona Lura, si tratta di itinerari eccellenti che, essendo voluti e realizzati dalle istituzioni locali rispondono giustamente a dinamiche locali e non consentono una percorribilità alla scala vasta su lunghe tratte. La Ciclovia Olona Lura ha invece come obiettivo la chiusura di un’unica infrastruttura di oltre 160 km in grado di legare tra di loro queste tratte all’interno di un unico scenario che possa incrementare i flussi di utilizzo e sviluppare economie attivate come risorsa diretta ed indotta.
Il progetto della Ciclovia intende operare delle ricuciture per connettere i grandi itinerari alla maglia locale al fine di individuare un’unico tracciato prioritario, definito come una dorsale cicloturistica, alla quale poter in seguito connettere altri percorsi utili a definire una rete territoriale.
Nel territorio sono inoltre presenti dei tratti ferroviari dismessi e abbandonati per ragioni antieconomiche (Ferrovia della Valmorea e tratta Malnate-Grandate). Dalla dismissione ferroviaria spesso queste arterie vengono rigenerate sotto forma di interventi a favore della ciclabilità, dopotutto la progettazione ferroviaria richiede caratteristiche tecniche che ben si adattano alle necessità delle infrastrutture ciclabili quali itinerari protetti, bassa pendenza, continuità e linearità.

L’OLONA LURA AL CENTRO DI FLUSSI CICLOTURISTICI LOCALI, REGIONALI ED INTERNAZIONALI

La Ciclovia Olona Lura si inserisce in un territorio attraversato da una serie di percorsi ciclabili promossi da Province, Parchi Regionali e Parchi Locali, con diverse proiezioni che si estendono in un territorio più esteso. Questa infrastruttura può dunque porsi quale elemento di connessione tra questi diversi itinerari esistenti alla scala regionale, favorendo la mobilità ciclabile di un territorio ben più vasto di quello sul quale si concentra il progetto, contribuendo a definire un sistema unitario in grado di incrementare il valore aggiunto della fruizione territoriale.
4 flussi-04

INDIVIDUAZIONE DEL TRACCIATO E SUA ANALISI

La ciclovia, per poter essere considerata tale, necessita dell’esistenza di un’infrastruttura ciclopedonale in grado di consentire la mobilità dei fruitori. All’interno del territorio sono presenti diverse situazioni infrastrutturali. Alcuni luoghi presentano l’esistenza di percorsi eccellenti, altri contesti necessitano ancora di investimenti iniziali.
INFOGRAFIA INFRASTRU-02
Le infrastrutture devono necessariamente essere di qualità e realizzate in modo professionale, viceversa si rischierebbe di effettuare investimenti non sostenibili ed approssimativi che disperdano energie positive. Tali infrastrutture dovrebbero essere totalmente in sede propria, consentendo un uso promiscuo soltanto per tratti limitati ed a basso volume di traffico.
La scelta dell’itinerario è ricaduta su sedimi prevalentemente non stradali quali stradi campestri da riqualificare nell’ottica della ciclovia. Il percorso e l’infrastruttura dovrebbe essere riconoscibile, non unicamente in relazione alla cartellonistica ma anche in base all’infrastruttura stessa. Il percorso è stato studiato per collegare i luoghi interessanti, dotati di qualità paesaggistica, storia o patrimonio culturale; seguendo il più possibile il tracciato dei bacini idrici del territorio e lungo le ferrovie dismesse che connettevano il territorio dell’Olona Lura.
L’analisi dell’infrastruttura si è composta di tre attività: inizialmente è stata operata una ricerca nelle banche dati dei tratti ciclabili esistenti, delle ex ferrovie, delle strade dismesse, delle connessioni intermodali; successivamente sono stati svolti diversi sopralluoghi nel territorio per effettuare dei rilievi tipologici volti ad individuare le geometrie ed i fondi stradali delle infrastrutture esistenti e dei tratti mancanti. Per ciascun luogo è stato costruito un repertorio fotografico georeferenziato, da ultimo a fronte dell’analisi sul campo sono stati organizzati svariati incontri con attori del territorio per verificare le informazioni ricostruite.
Il rispetto di queste indicazioni produce percorsi ciclabili attrattivi, sicuri e continui; costituendo un’importante premessa per incrementare l’uso della bicicletta nella mobilità locale e per la fruizione turistica. La pianificazione di infrastrutture ciclopedonali deve considerare molteplici esigenze quali la sicurezza, il confort, l’intermodalità. Il team di progetto si è focalizzato sugli elementi strutturali della ciclovia quali i fondi stradali, le geometrie tecniche, la potenziale connessione intermodale, individuando itinerari in grado di mantenersi in equilibrio tra facilità di intervento e paesaggio circostante.

CONNESSIONI INTERMODALI CON FERROVIA, METROPOLITANA, TRAGHETTO

La mobilità ciclabile del territorio e l’utilizzo di una dorsale cicloturistica deve necessariamente integrarsi con altre modalità di trasporto pubbliche. I residenti ed i cicloturisti potrebbero utilizzare una serie di elementi strutturali del sistema della mobilità collettiva per gli spostamenti iniziali delle loro esperienze ciclabili, accorciare gli itinerari o sperimentare forme di intermodalità intelligenti. Per consentire una effettiva fruizione dell’itinerario ciclabile è stato necessario verificare quanto questo sia connesso al sistema del trasporto collettivo, garantendo l’accesso della bicicletta ai mezzi di trasporto già esistenti nel territorio, connessi in sicurezza alla dorsale cicloturistica. L’intermodalità non significa unicamente consentire percorrenze combinate a più mezzi di trasporto ma dotare alcuni luoghi fisici di servizi permanenti studiati per le esigenze degli utenti in bicicletta (bicistazioni, rastrelliere, parcheggi sicuri, punti informativi, ciclofficine). Treno, metropolitana e traghetto diventano tre elementi che possiamo incontrare lungo la Ciclovia Olona Lura.
7 intermodalit-07

SCHEDE TECNICHE

Senza titolo-1Le schede tecniche di dettaglio sono elementi funzionali a declinare il disegno complessivo del tracciato alla scala comunale. Tali schede sono suddivise per ambiti territoriali,
riportano una visione transcalare a conferma di come la lettura del tracciato vada interpretata attraverso lenti diverse a seconda delle casistiche presentate.
Laddove il tracciato ha necessità di essere raccordato in maniera puntuale, la scheda avrà una visione di dettaglio, in altri casi, dove il tracciato si presenta più consolidato la descrizione avrà un valore descrittivo connesso ai temi dell’attrattività. Le schede sono comprensive inoltre di un estratto planimetrico e di una descrizione sintentica degli interventi prioritari da attuare nei vari contesti nonchè dei costi associati ai tratti descritti.

martedì 19 aprile 2016

Una bicicletta spaziale in Valle Olona



G.S. SOLBIATESE            
ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA            
STELLA C.O.N.I.   per meriti sportivi

               
                  Associazione culturale 

  
promuovono un

CONCORSO PER LE SCUOLE

La bicicletta spaziale

Per un Futuro più sano e felice in bici

Rivolto ai bambini e ai ragazzi delle
Scuole dell’Infanzia,
Scuole Primarie e Scuole Secondarie di I° grado
di Fagnano Olona - Gorla Maggiore  -
Solbiate Olona


Premessa
Le Associazioni A.S.D. Gruppo Sportivo Solbiatese ed iniziativa21058, organizzano un Concorso di Disegno che vuole essere un percorso a lungo termine con la Scuola sia sulla mobilità sostenibile, avente lo scopo di educare le giovani generazioni all’uso della bicicletta, sia come attività sportiva.
Il tema del Concorso di Disegno “La Bicicletta Spaziale” è stato realizzato affinhcè i bambini e i ragazzi possano riversare sui fogli tutta la loro fantasia per illustrare momenti o emozioni a bordo della loro bicicletta.
Lo scopo dell’iniziativa è di far percepire alla collettività le strade non solo come arterie per gli spostamenti urbani, ma possano diventare luoghi sicuri dove i bambini possono giocare, pedalare in sella alle loro bici, oppure fermarsi ad osservare il mondo, senza essere coinvolti dalla frenesia..
La bicicletta costituisce un ottimo mezzo di socializzazione che favorisce l’autonomia, il confronto e il dialogo:

Come è bello andar in bici,
si può far da soli o con gli amici
basta solo qualche accorgimento
e siamo pronti in un momento!
Pedalando s’incontra gente divertente
che ama e rispetta l’ambiente.
La bici non occupa spazio se parcheggi,
e non fa nemmen rumore quando passeggi
nelle brevi distanze si fa prima
e soprattutto non inquina!


BANDO DI CONCORSO

ART. 1  Titolo e partecipanti
Il Concorso è gratuito e si rivolge a tutti i bambini e ragazzi delle scuole dell’infanzia, primarie e secondarie di 1° grado dei Comuni di Fagnano Olona, Gorla Maggiore e Solbiate Olona.
Il titolo del Concorso è:La Bicicletta spaziale.

ART. 2  Opere da realizzare
La partecipazione al Concorso prevede la creazione di un’opera grafica-pittorica attraverso l’utilizzo della tecnica preferita (disegno con pastelli, pennarelli, a cera, a tempera, in bianco e nero, collage, tecniche miste..) che rappresenti in modo originale ed efficace l’uso della bicicletta come strumento di gioco, di socializzazione e di attività sportiva.
Il prodotto dovrà essere realizzato su un foglio di carta o cartoncino della forma voluta, applicando sul retro il Modulo di adesione al concorso consegnato a tutti i bambini, da riempire con i dati dei partecipanti.


ART. 3  Tempi del Concorso
Il Concorso potrà svolgersi entro il 4 maggio 2016.
I disegni possono essere ritirati dalla Scuola e/o consegnati presso la sede della’associazione ASD G.S . Solbiatese ogni mercoledì dalle 21 alle 22.30, Via XXV Aprile.
Contatti: Mail iniziativa21058@gmail.com ;  g.s.solbiatese1946@gmail.com  Cell. 3451810520
Un’ apposita commissione valuterà i disegni.
Verrà organizzata una mostra dei disegni più e la premiazione in occasione della manifestazione “Festa del Cotonificio”, domenica 8 maggio 2016 presso il Cotonifico di Solbiate Olona.

ART. 4  Criteri di valutazione dei disegni ed assegnazione premi
I disegni possono essere individuali o collettivi. Di essi si valuterà:
a. l’efficacia della comunicazione;
b. l’originalità del disegno;
d. l’attinenza al tema;
e. la potenziale “esportabilità” del disegno o di un suo particolare da utilizzare, eventualmente, all’interno dei materiali promozionali all’ attività sportiva e all’ educazione ambientale da parte delle Associazioni organizzatrici.

ART. 5  Esposizione e premiazione locale
Un’esposizione dei disegni realizzati e la relativa premiazione dei tre miglioroi disegni sarà organizzata per Domenica 18 maggio 2014 presso il Cotonifico di Solbiate Olona in occasione della manifestazione “Caccia ai Tesori della Valle Olona” avente il patrocinio dei Comuni della Valle Olona.

ART. 6  Pubblicità del bando
Il bando di concorso è disponibile sui siti:

ART. 7  Norme finali
I partecipanti al Concorso si impegnano ad accettare le disposizioni previste dal presente bando e a presentare il nome dei bambini aderenti al Concorso. Non si garantisce la conservazione e/o restituzione degli elaborati inviati.


Solbiate Olona, 8 Aprile 2016

                                                                   gli organizzatori   
A.S.D. G.S. Solbiatese & Associazione culturale iniziativa21058


Giornata del Verde Pulito 2016

Rispettare e tenere pulito il proprio paese, salvaguardarne il territorio in tutte le sue componenti, evitare l'abbandono indiscriminato dei rifiuti, sono tutti comportamenti che denotano un alto senso civico, un profondo sentimento d'appartenenza alla propria realtà territoriale, la volontà di partecipare attivamente ad un progetto comune di tutela e salvaguardia di un bene che è patrimonio di tutti.




La "Giornata del Verde Pulito" è un significativo momento per l'affermazione di questi valori: istituita dalla Regione Lombardia con la legge 20 luglio 1991 n. 14, tale manifestazione intende sensibilizzare l'opinione pubblica sui temi della tutela ambientale, mediante idonee iniziative dirette a ripulire e migliorare la qualità delle aree verdi di proprietà pubblica o soggette a fruizione pubblica. 


Così ricordatevi anche del nostro fiume Olona, perchè, come dice la nostra amica Angela maltrattare l'Olona è anche maltrattare tutto quello che vi è attorno,





                                    Foto di Angela Bonnacorso


Così l' amico Ivano suggerisce di tenere sul vostro cellulare i seguenti numeri





sabato 16 aprile 2016

Keep your eyes wide open...

 "Keep your eyes wide open. Only a coward closes his eyes. Closing your eyes and plugging up your ears won't make time stand still.”  Haruki Murakami, Kafka on the Shore

Lungo l' Olona è tornata la gente ma non è più indifferente, così da una segnalazione di un cittadino è partito il controllo su uno scarico anomalo 



...Arpa che ha risposto inviando immediatamente sul posto i suoi tecnici per i necessari rilievi. Due diverse squadre: una si è recata nella zona dello scarico incriminato mentre un’altra è stata allertata per un sopralluogo negli uffici dell’azienda che sarebbe a capo di quello scarico, la ex Sir di Solbiate Olona. 
I risultati di questo controllo incrociato si conosceranno 
settimana prossima

Altre info sulla settimana di passione del nostro fiume le trovate qui



Protezione civile al numero verde 800061160 

Centralino di Arpa allo 02696661

In zona Gorla Minore, potete segnalare problemi all'Olona 
anche a questo numero.




Per gli altri Comuni, aspettiamo, non si sa mai.



giovedì 14 aprile 2016

Passione e delitti

Una passione per l'Olona alla luce del sole, 
mentre nell'ombra si perpetua un delitto


"Precisa e puntuale come il passaggio delle stagioni, anche l'Olona non smette di attraversare alterne fortune. Alla immancabile serie di promesse ogni volta che lo stato di salute del fiume viene portato alla pubblica attenzione da una forte spinta popolare, inevitabilmente segue un periodo di attesa, quando va bene guarnito da interventi di facciata o poco più. Per tornare subito dopo al punto di partenza. Appena l'attenzione cala, chi ha la responsabilità e i mezzi per agire si fa da parte e chi non si fa scrupoli a sversare ogni sorta di schifezza nelle acque riprende indisturbato il proprio crimine.
Proprio in questi giorni, è iniziato un nuovo ciclo. Dopo una lenta ma inesorabile ascesa della schiuma ben visibile in prossimità di ogni dislivello, la situazione è ormai tornata a esser la regola.  da una settimana ormai il livello di inquinamento ha superato i limiti di guardia. Sia estetici sia olfattivi, ma soprattutto ragionevoli. Ancora una volta l'attaccamento alla propria terra e al proprio fiume è stato tradito. Dai soliti criminali (in quanto di reato a tutti gli effetti si tratta), così come da chi si trova nella posizione di dover agire..." continua su Valleolona.com


Per chi dovesse mai riscontrare qualcosa di irregolare può contattare la sala operativa della 
protezione civile al numero verde 800061160 
oppure il centralino di Arpa allo 02696661.


(Foto di Ivano Ghezzi)


lunedì 4 aprile 2016

17 Aprile 2016 finalmente...

anche a Solbiate Olona ritorna la Giornata Ecologica ed...


è cominciata la ripiantumazione sui terreni di Pedemontana



sabato 2 aprile 2016

Giornate Ecologiche in Valle Olona

Regione Lombardia: "La Giornata del Verde Pulito riveste ormai da vari anni un ruolo significativo nel contesto regionale, sia di sensibilizzazione e informazione ai cittadini sulle questioni ambientali che di realizzazione di azioni concrete di pulizia e sistemazione di aree a verde nei Comuni che aderiscono all’iniziativa...Rappresenta inoltre un'occasione di partecipazione attiva dei cittadini lombardi, di associazioni e gruppi di volontariato, che a vario titolo operano nella tutela ambientale, nell’impegno sociale di cittadinanza attiva, a favore del verde e dello sviluppo sostenibile."

Anche in Valle Olona tanti comuni aderiscono all' iniziativa...











dopo la promessa dello scorso anno

dell' Amministrazione Comunale di Solbiate Olona:

"Quest’anno (2015 n.d.r.) l’Assessore all’Ambiente, d’accordo con il Sindaco e con la Giunta, ha deciso che la giornata del Verde Pulito si terrà nel prossimo mese di settembre, per dare un contributo alla raccolta dei rifiuti abbandonati dagli escursionisti nella stagione estiva. Si attende, anche per l’appuntamento autunnale, il contributo di tanti cittadini"


siamo ancora in attesa,

ma continuiamo a sperare che anche il Nostra paese
possa avere la sua Giornata del Verde Pulito (forse il 17 Aprile)

e continuare a godersi il Pratone in Primavera
(foto di Maurizio Tagliapietra)




"dimostrate di essere ispirati da quegli ideali di libertà..." Sandro Pertini

"dimostrate di essere ispirati da quegli ideali di libertà..."  il Presidente della Repubblica Sandro Pertini Pe...