lunedì 27 marzo 2017

"Nessun Paese è un'isola" nemmeno Solbiate Olona

Una serata per approfondire il tema delle migrazioni e capire come sia possibile fare accoglienza bene, di modo che a beneficiarne non siano solamente i rifugiati e i richiedenti asilo ma anche le comunità che li ospitano.



"Per persone che non si arrendono", a loro è dedicato questo lavoro. Un percorso a più mani per cercare di far conoscere davvero i fenomeni migratori che interessano questo nostro tempo, perché è necessario comprendere le loro proporzioni e le motivazioni che ne sono alla base per tentare di ridurre le tensioni che possono derivarne. Attraverso un'analisi il più possibile critica, questo libro aiuta a smantellare alcuni luoghi comuni della propaganda populistica, come i famigerati trentacinque euro al giorno regalati agli immigrati e sottratti agli italiani, che in realtà sono destinati agli italiani che se ne occupano; oppure l'attribuire all'immigrazione la corruzione e il malaffare che si sviluppano attorno alla gestione delle risorse. L'intento di queste pagine è quello di mettere in luce i vari episodi positivi e i casi di buona integrazione sorti attraverso lo sviluppo di un vero e proprio modello italiano, fondato sull'accoglienza diffusa, l'integrazione e la convivenza. Perché una soluzione esiste: sostituire alla naturale diffidenza una razionale consapevolezza. 

Venerdì 31 Marzo ore 21 Sala Laura Prati Solbiate Olona
Saranno presenti:

- Stefano Catone, solbiatese, autore e curatore del libro, consigliere comunale per la lista "Una Buona Idea" e attivista di "Possibile".
- Milena Minessi, della cooperativa "Intrecci".

Una campagna contro i luoghi comuni in comodissime infografiche e con una mozione consiliare per la diffusione del Servizio Protezione Richiedenti Asilo e Rifugiati (SPRAR) su tutto il territorio nazionale. E per un confronto che tocchi anche da vicino il nostro territorio è stata invitata a intervenire l'amministrazione comunale.



mercoledì 22 marzo 2017

La chiamavano Cultura

Grandi spettacoli a Solbiate Olona questa settimana, si comincia Giovedì 23 Marzo alle ore 21 con ingresso libero, nell'ambito del Cineforum, con il film "Lo chiamavano Jeeg Robot"


Partendo da una cultura che è fatta di fumetti e di generi, e stando lontano dai colossal hollywoodiani, Gabriele Mainetti è riuscito, primo nella storia del nostro cinema, a fare un film popolare italiano di supereroi.




e si prosegue Sabato 25 Marzo, che per SolbiaTeatro, vedrà protagonisti gli attori della Compagnia Ronzinante di Merate , che tanto avevano già stupito il pubblico Solbiatese nelle due rappresentazione precedenti ( 1,2,3 Shakespear e Cyrano de Bererac in salsa comica), che sul palco porteranno un Otello un po' insolito. La compagnia presenta cosi' lo spettacolo Questo Otello è tutta un'altra Storia:  

"Quando Iago, esasperato dal disprezzo che suscita il suo ruolo, decide di dimostrare che non ci sarebbe capolavoro shakespeariano senza di lui e s'impegna a lasciare in pace Otello, gli altri personaggi si ritrovano in situazioni inusuali ai loro grandi caratteri tragici. Che sarà del Moro senza la gelosia a spingerlo attraverso il dramma? E di Desdemona, che si vede negata la sua commovente quanto memorabile uscita di scena? "
 

Vi aspettiamo Sabato 25 Marzo ore 21.00 . Biglietto di ingresso 8 € intero e 5 € ridotto.

Tutte le info su: https://www.facebook.com/Fuori.dalle.quinte/


martedì 21 marzo 2017

Olona Aquamadre

Ideata dalle Nazioni Unite e indetta per la prima volta nel 1992, la Giornata Mondiale dell’Acqua giunge quest’anno alla sua 25esima edizione.
Si stima che sul nostro pianeta siano presenti circa 1,4 miliardi di chilometri cubi d’acqua. Di questi, come molti di voi sapranno, il 97,5% è composto da acqua salata. Di quel che ne resta, il 70% circa si trova allo stato solido e costituisce i ghiacci polari. Quello che ci rimane sono, all’incirca, 10 milioni di chilometri cubi di acqua dolce presenti nelle falde sotterranee di tutto il mondo. Potrebbero sembrarvi tanti, non è così. Non è così perché ad oggi gli sprechi sono molti e non si hanno ancora, nella maggior parte dei casi, le infrastrutture atte e adatte al recupero e riuso delle acque di scarico. Una stima dell’ONU riporta che:
  • Più dell’80% delle acque di scarico prodotte da attività umane è scaricato in fiumi o mari senza sistemi di depurazione
  • Almeno 1.8 miliardi di persone a livello globale utilizzano fonti di acqua potabile contaminate da escrementi
Proprio per questo motivo, quest’anno, l’Organizzazione delle Nazioni Unite ha voluto porre un’attenzione particolare nei confronti delle acque reflue. Risulta evidente come una riorganizzazione dei sistemi di gestione e un riammodernamento o la creazione, laddove necessario, di reti idriche efficienti siano indispensabili per il raggiungimento, entro il 2030, degli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile redatti dalle stesse Nazioni Unite nel 2015. Indovinate un po’, siamo già in ritardo. (fonte Radio Popolare)

#AquaMadre da oggi raccoglie tutte le iniziative sulle acque del Ministero dell'Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare https://vimeo.com/209358407

AQUAMADRE from Ministero dell'Ambiente on Vimeo.

Il nuovo brand riconosciuto a livello internazionale nel quale canalizzare le iniziative volte a diffondere una nuova #culturadellacqua in occasione della Giornata Mondiale dell'Acqua. Particolare risalto viene dato ai #ContrattidiFiume e viene annunciato l'avvio dell'osservatorio dei Contratti di Fiume.


Sperando che non ci si dimentichi ancora una volta del Nostro Fiume Olona


(foto di Donatella Canavesi)



martedì 14 marzo 2017

Giornata Nazionale del Paesaggio: La Valle Olona

La Giornata nazionale del Paesaggio è istituita con decreto ministeriale del 7 ottobre 2016 e sarà celebrata ogni anno il 14 marzo. L’obiettivo è promuovere la cultura del paesaggio in tutte le sue forme e sensibilizzare i cittadini sui temi ad essa legati attraverso attività da realizzarsi sull’intero territorio nazionale che vedranno il concorso e la collaborazione delle Amministrazioni e delle istituzioni, pubbliche e private. In attuazione della Convenzione Europea del Paesaggio (D.M. n.457/2016) si richiama il Paesaggio quale valore identitario del Paese e si trasmette, soprattutto alle nuove generazioni, il messaggio che la tutela del Paesaggio e la memoria storica che ne deriva costituiscono valori culturali essenziali per uno sviluppo consapevole del territorio.


ed ecco uno dei tanti  Paesaggi della Valle Olona











 (foto dal web)

I riferimenti legislativi sul Paesaggio La tutela del paesaggio è inserita tra i principi fondamentali della Costituzione (art. 9) – “La Repubblica promuove lo sviluppo della cultura e la ricerca scientifica e tecnica. Tutela il paesaggio e il patrimonio storico ed artistico della Nazione” – quale espressione dell’identità del nostro Paese. Il Codice dei Beni culturali e del Paesaggio (D.lgs 42/2004) – che nella Parte III riassume e aggiorna la legge n. 1497 del 1939 sulle bellezze naturali e la legge così detta "Galasso", n. 431 del 1985 - stabilisce le regole per la difesa e la valorizzazione del paesaggio e definisce le competenze dello Stato e delle Regioni, i quali concorrono alla gestione del patrimonio paesaggistico attraverso la redazione dei piani paesaggistici. Il Codice accoglie i principi della Convenzione Europea del Paesaggio del Consiglio d’Europa, firmata a Firenze il 20 ottobre 2000 e ratificata con legge 9 gennaio 2006, n. 14. La Convenzione rivoluziona il panorama normativo introducendo una concezione di paesaggio non improntata a canoni meramente estetici, ma ad una dimensione oggettiva e globale. Il paesaggio, infatti, si definisce secondo una formula omnicomprensiva, integrata delle sue componenti naturali e umane, cioè come «una determinata parte di territorio, così come è percepita dalle popolazioni, il cui carattere deriva dall’azione di fattori naturali e/o umani e delle loro interrelazioni». La Convenzione Europea del Paesaggio pone, in particolare, due obiettivi. In primo luogo “integrare il paesaggio nelle politiche relative all’assetto territoriale ed urbanistico, nelle politiche culturali, ambientali, agricole, sociali ed economiche, ed in ogni altra politica che possa avere un’incidenza diretta o indiretta sul paesaggio” (art. 5) e, secondariamente, di “accrescere la sensibilizzazione delle autorità pubbliche al valore dei paesaggi, al loro ruolo e alla loro trasformazione” (art. 6)



http://www.beniculturali.it/mibac/export/MiBAC/sito-MiBAC/Contenuti/MibacUnif/Eventi/visualizza_asset.html_922377078.html

giovedì 2 marzo 2017

Festa della Donna

Quest'anno a Solbiate Olona potrete festeggiare 
la Festa della Donna anche giovedì 9 Marzo 
con la visione del film Veloce come il Vento
e gustando poi un buon buffet 
con le associazioni Iniziativa 21058 e Fuori dalle Quinte


INGRESSO LIBERO e GRATUITO
Seguirà Buffet Dolce & Salato
 

In Veloce come il vento, la passione per i motori scorre da sempre nelle vene di Giulia. Viene da una famiglia che da generazioni sforna campioni di corse automobilistiche. Anche lei è un pilota, un talento eccezionale, che a soli diciassette anni partecipa al Campionato GT, sotto la guida del padre Mario. Ma un giorno tutto cambia e Giulia si trova a dover affrontare da sola la pista e la vita. A complicare la situazione il ritorno inaspettato del fratello Loris, ex pilota ormai totalmente inaffidabile, ma dotato di uno straordinario sesto senso per la guida. 
Saranno obbligati a lavorare insieme, in un susseguirsi di adrenalina ed emozioni che gli farà scoprire quanto sia difficile 
e importante provare ad essere una famiglia.


GIULIA



il Trailer ufficiale


La manifestazione è svolta nell'ambito del Cineforum solbiatese coordinato da Matteo Contin


 P.S. Naturalmente possono partecipare anche gli uomini 😉

"dimostrate di essere ispirati da quegli ideali di libertà..." Sandro Pertini

"dimostrate di essere ispirati da quegli ideali di libertà..."  il Presidente della Repubblica Sandro Pertini Pe...