martedì 23 maggio 2017

“Ciclopasseggiando in Valle Olona“





E stata presentata alla Liuc - Università Cattaneo la Guida “Ciclopasseggiando in Valle Olona“alla scoperta dei tesori dei paesi lungo i venti chilometri del tracciato,  come un filo prezioso esattamente al centro di una lunga serie di gioielli da incastonare. Grandi o piccoli, tutti capaci di dare un enorme contributo al valore complessivo della zona. Un valore tutto da cogliere e sfruttare, a partire dagli abitanti. Così, la pista ciclopedonale della Valle Olona sta contribuendo a cambiare percezione e frequentazione di un territorio dimenticato per decenni e ora pronto a rivelarsi una risorsa. Questo è l’obiettivo dell’Associazione Ecomuseo della Valle Olona, impegnata da diversi anni a riscoprire e difendere il territorio e il suo patrimonio, attraverso una delicata opera di sensibilizzazione. Storia, arte, natura, sport e tempo libero in Valle Olona si combinano infatti come raramente accade altrove... Una guida rapida, al servizio sia dei residenti desiderosi di scoprire più da vicino il proprio territorio, sia dei visitatori il cui numero cresce regolarmente proprio grazie alla pista ciclabile. Non sempre però, chi percorre a piedi o in bicicletta il tracciato conosce la bellezza e i tesori dei paesi a poche centinaia di metri dal fondovalle. La pubblicazione offre quindi la possibilità di seguire brevi itinerari alla loro scoperta. Propone un primo approccio per risalire le tante strade della costa, addentrarsi per i singoli centri abitati o esplorare i boschi circostanti alla scoperta di luoghi nascosti spesso sorprendenti.

Già disponibile in una prima versione online, Ciclopasseggiando in Valle Olona ora diventa ufficialmente una pubblicazione, da tenere sempre a disposizione per pianificare una passeggiata, trovare una variante a un percorso abituale, riscoprire il proprio territorio da un nuovo punto di vista. Soprattutto, quale strumento di promozione per una Valle Olona in una visione di insieme capace di moltiplicare il valore dei suoi gioielli considerati uno per volta. Continua su http://www.varesenews.it/2017/05/la-pista-ciclabile-della-valle-olona-e-piena-di-tesori/621463/


Di seguito il pensiero propositivo di Enrico Vizza, apparso su Valleolona.com, sulla Valle Olona, il Seprio, sui Parchi Locali, il territorio, il turismo e il patrimonio che noi deteniamo, ma che non riusciamo a rilanciare come invece andrebbe fatto.

"...non potevo non fare tappa alla serata organizzata alla LIUC Università Cattaneo di Castellanza, dove protagonista era sempre lei, la nostra straordinaria Valle Olona da scoprire tra arte, cultura, natura e monumenti dei Comuni della Valle e del Seprio.

L’occasione era utile per per ascoltare alcuni importanti interventi del Professor Massimiliano Serati sulle Potenzialità del cicloturismo in Valle Olona, illustrando esperienze nazionali ed Europee.



Subito dopo, l'intervento di. Raul Del Santo su Connettere la biodiversità il progetto Olona Green Way.



Infine il caro amico e giornalista Giuseppe Goglio, con la presentazione della guida fresca di stampa Ciclopassegiando in Valle Olona della quale incoraggio tutti ad averne una copia.






Ascoltando gli interventi che hanno rilanciato l’importanza della rete nel territorio valorizzando l’emergenze e favorendo il turismo, che nonostante la crisi e i bilanci dei Comuni potrebbe essere il vero motore del territorio e dell’Italia, e di fronte alla buona partecipazione all’iniziativa, mi sono venute in mente alcune riflessioni e mi sono posto alcuni quesiti, che desidero sottoporre all'attenzione.

    Prima di tutto, tranne alcuni, dove erano tutti i rappresentanti dei Comuni dei Plis Parchi Locali RTO, Medio Olona, Boschi del Rugareto, la sera di venerdì 19 maggio?
    Che fine ha fatto il coordinamento dei tre Plis e le relazioni con i Plis della vicina Svizzera?
    Il progetto Ecomuseo è un problema di persone, di ruolo o di paternità o lasciamo che altri ne godono i risultati?
    A che punto è il progetto Pista Ciclabile della Valle Olona da Castglione Olona (dove inizialmente non era neppure previsto il raggiungimento) alla Svizzera?
    Castiglione Olona Città Slow come procede?
    Perché non costruire, grazie alle enormi potenzialità che abbiamo, un progetto turistico della Valle Olona. Comprendente, cultura, ambiente, archeologia, sito Unesco, Parchi Locali, fiume Olona e tradizioni, valorizzando il tutto anche dal punto di vista economico e imprenditoriale locale?
    Perché stare a guardare ciò che si fa all’estero e all’esterno, mentre noi con il potenziale che abbiamo lo lasciamo solo ad immagini e proiezioni?

Grazie ancora a Giuseppe Goglio che stimola senza stancarsi e riesce a non perdere la voglia di dire “Valle Olona, un'area da proteggere e valorizzare”.



Le foto del convegno sono di Aldo Moroni




Mulino Day: Visite, Arte e buon Cibo sulle rive del fiume Olona

Mulino Day è la festa del PLIS dei Mulini (Parco Locale a Interesse Sovracomunale). I comuni che ne fanno parte sono Parabiago, Legnano, Sa...